rene-patologie-urogenitali

Disfunzioni renali migliorano cambiando tipo di tenofovir

Nei soggetti con coinfezione Hiv-Hbv con disfunzioni renali, la funzionalità renale migliora dopo il passaggio dal tenofovir disoproxil fumarato (TDF) al tenofovir alafenamide (TAF). Lo dimostra uno studio prospettico condotto su 106 pazienti da Bernard Surial dell’ospedale universitario di Berna, secondo cui a differenza…

Leggi

Nuovo strumento clinico predice idoneità reni donati

Il rapporto fra due proteine facilmente dosabili dalle urine dei donatori di rene deceduti può aiutare a predire il livello di idoneità del rene donato una volta trapiantato in un ricevente. Aiutando a determinare in anticipo il grado di successo del trapianto di rene,…

Leggi

Chirurgia arterovenosa migliora accesso dialitico

Una semplice inversione del modo in cui viene effettuata una procedura chirurgica di vecchia data per creare una fistola arterovenosa per l’accesso per l’emodialisi migliora significativamente la funzionalità della fistola e la sua longevità rispetto a quelle prodotte con l’approccio convenzionale. Un team dell’università…

Leggi

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo…

Leggi

Nefrolitiasi ricorrenti: dieta o farmaci?

Le cause di base delle nefrolitiasi ricorrenti possono aiutare i medici a determinare se il modo migliore di aiutare il paziente consista in cambiamenti della dieta o nella farmacoterapia, come affermato da Glenn Preminger della Duke University di Dutham. Per molti pazienti la dietoterapia…

Leggi