Neuroscienze & patologie neurodegenerative

Lievi deficit cognitivi: sei mesi di esercizio aerobico riducono il rischio

Sei mesi di esercizio aerobico possono migliorare la funzionalità esecutiva nei pazienti con lievi deficit cognitivi, come dimostrato dallo studio ENLIGHTEN, condotto su 160 anziani con qualche ...

Approfondisci
L’esercizio fisico può rallentare il deterioramento cognitivo

(Reuters Health) – Gli anziani che presentano già un deterioramento cognitivo, ma non demenza, potrebbero trarre giovamento, per quanto riguarda la capacità di pensiero, dal praticare ...

Approfondisci
Alzheimer: studio USA identifica sottogruppi su base genetica

(Reuters Health) – Un gruppo di ricercatori USA ha categorizzato la malattia di Alzheimer in sei condizioni distinte basate sulla funzione cognitiva al momento della diagnosi e su dati genetici ...

Approfondisci
Declino cognitivo: non bastano parole crociate e sudoku

(Reuters Health) – Se non avete fatto parole crociate e sudoku per tutta la vita, cominciare prima del declino delle capacità mentali non darà molti benefici. Secondo uno studio pubblicato ...

Approfondisci
Al Besta di Milano ablazione di tumore cerebrale con trattamento laser mininvasivo. E’ la prima volta in Europa

L’equipe dell’Istituto Neurologico Besta, guidata da Francesco DiMeco, Direttore del dipartimento di neurochirurgia della Fondazione istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, leader in ...

Approfondisci
Demenza: test rapidi non sempre affidabili per la classificazione

(Reuters Health) – I test rapidi per le valutazioni cognitive possono portare a una classificazione errata delle demenze, con falsi positivi e falsi negativi. A evidenziarlo è una ricerca ...

Approfondisci
La radiochirurgia può non aumentare il rischio di neoplasie intracraniche

(Reuters Health) – I pazienti sottoposti a radiochirurgia stereotassica per lesioni benigne non sembrano avere un rischio aumentato di trasformazione maligna, secondo quanto mostrano i nuovi ...

Approfondisci
Neuroscienze: smartphone e tablet gestiti con il pensiero. Esperimento a Standford

(Reuters Health) – Le persone con paralisi potrebbero un giorno essere in grado di gestire smartphone e tablet, semplicemente pensando alle azioni che vogliono eseguire, con l’aiuto ...

Approfondisci
Maimone (AO Garibaldi): “Cladribina sia per pazienti naive che per quelli resistenti alla prima linea”

“Le aspettative per la cladribina in questo momento sono abbastanza buone e riponiamo grande fiducia nella possibilità di utilizzare il farmaco sia nei pazienti naive, che possono avere ...

Approfondisci
Borriello (AO Sant’Andrea): “Con cladribina più facile pianificazione di gravidanza grazie a posologia”

La sclerosi multipla è una malattia che colpisce prevalentemente le donne in età giovane, in quella fase della vita in cui si cominciano a fare progetti per una famiglia. “Quello della ...

Approfondisci