Wto: ok a sospensione parziale per brevetti vaccini  

Una “esenzione” parziale dei diritti di proprietà intellettuale per i vaccini anti-Covid, estesa per 5 anni. E’ questo l’accordo raggiunto dai 164 paesi membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) nella due giorni di riunioni conclusasi a Ginevra. Un accordo salutato come un successo dal Wto ma duramente contestato dalle associazioni – da Medici senza frontiere a Emergency – che parlano di una “operazione di facciata” e di un compromesso “inadeguato”. “Delusa”, dal canto suo, si dice anche la Federazione internazionale dei produttori di medicinali (Ifpma), secondo la quale in questo modo si invia un “messaggio sbagliato”.

In pratica, affermano Emergency ed Oxfam, “non siamo di fronte alla sospensione delle regole sulla proprietà intellettuale per i vaccini anti-Covid, di cui il mondo ha un disperato bisogno, ma ad un compromesso che in gran parte ribadisce i diritti già esistenti dei paesi in via di sviluppo di derogare i brevetti in determinate circostanze”. L’accordo raggiunto inoltre, spiegano, “si applica solo ai vaccini e non alle terapie e alla diagnostica, strumenti chiave per la lotta al virus, e riguarda solo i brevetti e non altri diritti della proprietà intellettuale”. Il testo della decisione contiene cioè, precisa Medici senza frontiere, “un’eccezione estremamente limitata sull’utilizzo della licenza obbligatoria contemplata solo ed esclusivamente per l’esportazione di vaccini Covid da parte di paesi considerati eleggibili e per una durata di 5 anni”.

Di fatto, rileva Vittorio Agnoletto, coordinatore della ‘Campagna Europea Right2cure No Profit on Pandemic’, “il testo finale è tutto incentrato sulle licenze obbligatorie, ossia sulla possibilità già esistente, che un Paese in difficoltà economica e travolto dalla pandemia possa decidere di ricorrere alla produzione dei vaccini senza l’autorizzazione preventiva da parte dell’azienda detentrice dei brevetti, con la quale dovrà comunque concordare un rimborso economico. Il testo si limita a introdurre alcuni miglioramenti in tale meccanismo, che certo non può risolvere la necessità di assicurare a tutti i Paesi del Sud del Mondo i quantitativi necessari di vaccini e kit farmaceutici anti Covid”.

L’intesa di Ginevra scontenta anche l’Ifpma, per la quale la decisione del Wto è una “esenzione” dei diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 e “invia il messaggio sbagliato a coloro che svolgono ricerca, sviluppo e innovano”, indicando “erroneamente la proprietà intellettuale come un ostacolo alla risposta alla pandemia piuttosto che come un fattore che offre soluzioni sanitarie, in modo sicuro e rapido ai pazienti”. Anche per l’organizzazione dell’industria Ue, Business Europe, la soluzione adottata sui brevetti dei vaccini “non affronta le attuali sfide dell’accesso ai vaccini e rischia di minare gli sforzi per affrontare future pandemie”. In generale, però, per Business Europe il risultato della ministeriale “porta una nuova speranza al multilateralismo e alla capacità del Wto di produrre risultati concreti”.

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Popular Science Italia © 2022