UE: fino all’80% della popolazione dell’Unione ha contratto il COVID

(Reuters) – “Si stima che tra il 60% e l’80% della popolazione UE abbia già avuto il COVID”. Lo ha dichiarato il commissario per la salute dell’UE Stella Kyriakides.

L’agenzia di sanità pubblica dell’UE ha affermato che i casi riportati finora riguardano il 30% della popolazione europea, ma se si aggiungessero le infezioni non segnalate i casi arriverebbero a 350 milioni, circa il 77% della popolazione europea.

E nuovi aumenti di contagi sono probabili, poiché ci si attende che il virus continui a mutare; secondo la Commissione Europea i Paesi dell’Unione dovrebbero predisporre piani per essere pronti a tornare allo stato di emergenza e per aumentare le vaccinazioni.

Bruxelles esorta i governi a continuare a spingere per l’immunizzazione dei non vaccinati, soprattutto bambini, prima dell’inizio della scuola in autunno.

I tassi di immunizzazione sono inferiori al 15% nei bambini tra i 5 e i 9 anni- la fascia d’età più bassa per cui sono stati autorizzati i vaccini contro il COVID-19 nel Vecchio Continente- mentre tra gli adolescenti questa percentuale si attesta a oltre il 70%.

Fonte: Reuters
Francesco Guarascio
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Popular Science Italia © 2022