Troponina: livelli sopra la norma aumentano mortalità

(Reuters Health)-  Livelli di troponina sopra la norma sono associati a un aumento della mortalità, indipendentemente dall’età del paziente. È quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori dell’Hammersmith Hospital di Londra, guidati da Amit Kaurae.

“In una popolazione di tutti i pazienti in cui la troponina viene valutata per motivi clinici, questo biomarcatore può rischiare di stratificare tra il rischio di mortalità alto e basso per tutte le fasce di età – scrivono i ricercatori su BMJ – Sebbene i livelli di troponina debolmente aumentati abbiano un significato prognostico, le decisioni cliniche dovrebbero dipendere dalla malattia di base e non semplicemente dal grado di aumento della troponina”.

Il significato clinico dei livelli di troponina leggermente aumentati non è chiaro, notano gli autori, e non è stata ancora stabilita l’utilità di alti livelli di troponina nel guidare il trattamento per i pazienti anziani.

Lo studio
Gli autori hanno valutato l’impatto prognostico dell’aumento dei livelli di troponina in quasi 258.000 pazienti sottoposti a test di troponina in cinque centri cardiovascolari del Regno Unito nel periodo 2010-2017. Durante il follow-up, che è durato in media 1.198 giorni, il 22% dei pazienti è deceduto.

La troponina sopra la norma è stata associata a un rischio di mortalità 3,2 volte superiore per tre anni (intervallo di confidenza al 95%, da 3,1 a 3,2). L’hazard ratio è stato di 10,6 per i pazienti di età compresa tra i 18 e i 29 anni e di 1,5 nei pazienti di età superiore ai 90 anni, entrambi aumenti significativi. In tutte le età, la troponina sopra il normale è stata associata a una mortalità assoluta a tre anni superiore del 15% circa.

Il livello e la mortalità della troponina sono stati direttamente correlati negli oltre 120.000 pazienti che non avevano la sindrome coronarica acuta (Sca). Si è registrata una relazione a forma di U invertita nei 14.468 pazienti con Sca. L’associazione a forma di U tra troponina e mortalità è persistita dopo l’analisi multivariata nei pazienti con Sca gestita invasivamente, ma c’è stata una relazione positiva diretta in quelli gestiti non invasivamente.

“Il paradossale declino della mortalità a livelli di troponina molto elevati può essere guidato in parte dal mutevole mix di casi con l’aumentare dei livelli di troponina; una percentuale più elevata di pazienti con livelli di troponina molto elevati ha ricevuto una gestione invasiva”, osservano gli autori.

La maggior parte dell’aumento della mortalità si è verificata entro sei mesi, in modo simile a uno studio statunitense condotto su 25.000 pazienti. “Da questo possiamo trarre due conclusioni. In primo luogo, indipendentemente dall’età, un livello elevato di troponina è un segnale clinico importante che non deve essere ignorato. In secondo luogo, poiché l’eccesso di mortalità si manifesta in anticipo, un’attesa prudente potrebbe non essere appropriata”.

Fonte:BMJ 2019

Reuters Staff
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*