Teenager, dalla fototerapia un aiuto per non perdere ore di sonno

Sottoporsi ad alcune sedute di fototerapia e potrebbe aiutare gli adolescenti a recuperare qualche ora di sonno perduto nell’ arco dell’anno scolastico. È la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un team del Rush University Medical Center (Chicago), guidato da Stephanie Crowley. Lo studio è stato pubblicato da Sleep.

Secondo la National Sleep Foundation degli USA la maggior parte degli adolescenti dorme meno di otto ore a notte, specialmente durante i mesi della scuola.

“Un cambiamento specifico è legato al sonno biologico e si verifica durante la pubertà – spiega Crowley – Il sistema cerebrale che controlla il sonno cambia in modo che sia più facile per un adolescente restare sveglio fino a tarda sera”. Quindi da un lato c’è il bisogno di andare a letto presto per la scuola e dall’altro il cambiamento biologico naturale.

Per cercare di recuperare la perdita di ore di sonno negli adolescenti, i ricercatori hanno sottoposto un campione di ragazzi a una seduta di fototerapia due mattine nel fine settimana, per un totale di 2,5 ore.

Con questa metodica i ricercatori sono riusciti a spostare l’orario in cui gli adolescenti andavano a letto di un’ora e mezza prima e il sonno totale è aumentato di circa un’ora. I ragazzi che si sottoponevano a fototerapia, inoltre, erano meno stanchi, irritabili e preoccupati e avevano una migliore concentrazione rispetto ai ragazzi che non erano stati sottoposti a questa metodica.

Fonte: Sleep 2022

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022