Spazio nemico dei globuli rossi, se ne distruggono di più

L’anemia spaziale colpisce gli  astronauti ed è stata riportata sin dal primo viaggio nello Spazio. Si è pensato finora che fosse un rapido adattamento ai fluidi che si spostavano nella parte superiore del corpo  dell’astronauta quando arriva per la prima volta nello spazio,  ma un nuovo studio ha individuato invece una nuova causa alla  base. In orbita si distrugge il 54% in più di globuli rossi  rispetto a quanto accade normalmente sulla Terra. La ricerca, dell’Università di Ottawa, pubblicata su Nature Medicine, ha  coinvolto 14 astronauti. È emerso, spiega Guy Trudel, l’autore principale dello studio “che all’arrivo nello spazio, vengono  distrutti più globuli rossi e questo continua per l’intera  durata della missione dell’astronauta”.

Sulla Terra i ricercatori sottolineano che i nostri corpi creano e distruggono 2 milioni di globuli rossi ogni secondo: negli astronauti il 54%  in più durante i sei mesi in cui erano nello spazio, ovvero 3 milioni al secondo e questo valeva sia per le donne che per gli uomini. Sebbene il team non abbia misurato direttamente la produzione di globuli rossi, presume che gli astronauti abbiano generato globuli rossi extra per compensare le cellule che hanno distrutto. Altrimenti, l’ipotesi è che sarebbero finiti con una grave anemia e avrebbero avuto gravi problemi di salute nello spazio. “Per fortuna, avere meno globuli rossi nello spazio non è un problema quando il corpo è senza peso – conclude Trudel – ma quando si atterra sulla Terra e potenzialmente su altri pianeti o lune, l’anemia che colpisce l’energia, resistenza e forza può minacciare gli obiettivi della missione. Gli effetti  si fanno sentire solo una volta atterrati e quando si deve affrontare di nuovo la gravità”.

I risultati potrebbero  essere applicati anche alla vita sulla Terra. In qualità di medico riabilitativo, la maggior parte dei pazienti del dottor  Trudel sono anemici dopo essere stati molto malati per molto  tempo con mobilità ridotta e l’anemia ostacola la loro capacità di esercizio e recupero. È stato dimostrato che il riposo a  letto causa anemia, ma non si sa come riesca a farlo. Trudel  ritiene che il meccanismo possa essere quello dell’anemia spaziale. Il suo team indagherà questa ipotesi durante futuri studi.

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022