Ruolo del sistema immunitario nella depressione, ancora una conferma

(Reuters Health) – Secondo uno studio di associazione genetica condotto dai ricercatori del PsycheMERGE Network, i geni che aumentano la suscettibilità di una persona alla depressione si associano anche a una conta leucocitaria (WBC) aumentata.

Anche se la base biologica della depressione rimane scarsamente compresa, la patologia risulta coerentemente associata a un aumento dei biomarcatori proinfiammatori. Tuttavia, i meccanismi alla base di tali associazioni rimangono poco chiari, spiegano gli autori dello studio su JAMA Psychiatry.

Lea Davis del Vanderbilt Genetics Institute di Nashville, Tennessee, e colleghi si sono serviti dei dati di quattro sistemi sanitari partecipanti al PsycheMERGE Network per esaminare l’associazione tra punteggi di rischio poligenico (PGS) di depressione e una serie di valori di laboratorio.

Ne è emersa un’associazione significativa tra PGS di depressione e conta leucocitaria aumentata. Questa correlazione è stata “replicata in maniera solida” nelle quattro biobanche indipendenti.

L’aumento del rischio poligenico di depressione si associava a una conta leucocitaria elevata “anche dopo il controllo per depressione, ansia, molteplici fenotipi di comorbilità, indice di massa corporea e fumo, suggerendo quindi che il PGS di depressione era un importante fattore di rischio per lo stato proinfiammatorio osservato nella depressione”, riferiscono i ricercatori

Le analisi di mediazione indicavano un’associazione bidirezionale tra conta leucocitaria e depressione e i neutrofili coinvolti guidavano questa associazione.

I risultati di randomizzazione mendeliana hanno supportato un possibile percorso causale da livelli aumentati di WBC al rischio più elevato di depressione, il che è in linea con il modello neuroinfiammatorio che ipotizza il contributo di un sistema immunitario attivato al rischio di sviluppare depressione.

Fonte: JAMA Psychiatry

Staff Reuters

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*