Ribociclib più fulvestrant allunga la sopravvivenza globale nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico HR+/HER2-

Novartis ha annunciato oggi i risultati aggiornati della sopravvivenza globale mediana di ribociclib somministrato in combinazione con fulvestrant alle donne in postmenopausa con carcinoma mammario metastatico positivo per il recettore ormonale e negativo per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2 (HR+/HER2-).

L’analisi esplorativa della sopravvivenza globale dopo ulteriori 16,9 mesi di follow-up dello studio di Fase III MONALEESA-3 ha valutato ribociclib più fulvestrant come trattamento di prima o seconda linea rispetto al solo fulvestrant in queste pazienti. Con un follow-up esteso di oltre quattro anni, la combinazione dei due farmaci ha continuato a dimostrare un beneficio clinicamente rilevante in termini di sopravvivenza globale di oltre un anno rispetto al solo fulvestrant. Questi dati aggiornati al congresso annuale 2021 dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO).

“Dimostrare con successo i miglioramenti della sopravvivenza globale in una malattia incurabile come il cancro al seno metastatico è un risultato significativo ed è ciò a cui alla fine ci impegniamo nella maggior parte degli studi clinici”, dichiara Dennis J. Slamon, Direttore della ricerca clinica/traslazionale, Università della California , Los Angeles Jonsson Comprehensive Cancer Center. “È incoraggiante vedere risultati medi di sopravvivenza globale di quasi 4,5 anni nello studio MONALEESA-3. Mostrano che ribociclib offre alle pazienti la speranza di una vita più lunga”.

Dopo un follow-up mediano di 56,3 mesi, la sopravvivenza globale mediana nelle pazienti che assumevano ribociclib in combinazione con fulvestrant è stata di 53,7 mesi rispetto a 41,5 mesi per il solo fulvestrant. L’aumento della sopravvivenza era osservabile sia se i farmaci erano somministrati in prima linea che in seconda linea.

“Man mano che i dati sulla sopravvivenza complessiva maturano, siamo orgogliosi che ribociclib continui a offrire una vita più duratura sia alle donne più giovani che a quelle più anziane che vivono con carcinoma mammario metastatico”, commenta Susanne Schaffert, Presidente di Novartis Oncology. “Questi dati che confermano l’efficacia prolungata di ribociclib per un’ampia gamma di persone con carcinoma mammario metastatico HR+/HER2-, indipendentemente dalla linea di terapia, sono unici e stimolanti. Ora valutiamo il potenziale di ribociclib come adiuvante”.

La chemioterapia è stata ritardata di 4 anni (48,1 mesi) nelle pazienti che assumevano ribociclib in associazione con fulvestrant e di 28,8 mesi nelle pazienti che assumevano solo fulvestrant. Gli eventi avversi erano coerenti con i risultati degli studi di Fase III precedentemente riportati. 

 

Post correlati

Lascia un commento

*