Obesità e diabete in gravidanza, rischio ADHD per il bambino

Secondo una nuova ricerca pubblicata dal Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism dell’Endocrine Society e curata da un team dell’Hospital Universitari Mútua de Terrassa, e Antonio J. Amor dell’Hospital Clínic de Barcelona, i figli di donne con diabete gestazionale e obesità avrebbero il doppio delle probabilità di sviluppare il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) rispetto a quelli nati da madri non obese.

Si ritiene che siano 6 milioni i bambini di età compresa tra i 3 e i 17 anni ai quali è stata diagnosticata l’ADHD. Un importante fattore di rischio per questa patologia nei bambini è rappresentato proprio dall’obesità materna.

Circa il 30% delle donne presenta obesità alla prima visita medica durante la gravidanza e questo numero sale al 47% per quelle con diabete gestazionale. L’eccessivo aumento di peso durante la gestazione in questo gruppo di donne è un fattore di rischio per lo sviluppo di ADHD nei figli.

“Il nostro studio ha rilevato che le donne in gravidanza che soffrono di obesità e di diabete gestazionale avevano figli con disturbi mentali a lungo termine, come ad esempio l’ADHD”, osserva Verónica Perea, una delle autrici del lavoro, “Non abbiamo riscontrato questa associazione quando queste donne hanno guadagnato una quantità normale di peso durante la gravidanza”.

I ricercatori hanno anche studiato 1.036 bambini nati da donne con diabete gestazionale. Al tredici per cento di questi bambini è stato diagnosticato l’ADHD.

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism dell’Endocrine Society

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022