Home » Medicina » NSCLC: mutazione KRASG12C possibile bersaglio per prevenire metastasi cerebrali

NSCLC: mutazione KRASG12C possibile bersaglio per prevenire metastasi cerebrali

(Reuters Health) – Secondo un’analisi di esiti real world, il tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) con mutazione KRASG12C sembra essere correlato al fumo e probabilmente può essere bersagliato da inibitori in grado di ritardare o prevenire una metastasi cerebrale.

“Attualmente, la maggior parte dei NSCLC oncogene-driven che sono bersaglio di farmaci si manifestano in non fumatori/ex fumatori leggeri”, dice Wanyuan Cui del Peter MacCallum Cancer Centre di Melbourne, che ha condotto lo studio. “Tuttavia, mentre continuano ad essere sviluppati promettenti inibitori covalenti di KRASG12C, è fondamentale per tutti i pazienti con NSCLC sottoporsi a una precoce profilazione genetica completa, a prescindere dalla storia di fumo, per cercare questa importante mutazione che può essere bersagliata”.

Lo studio
Cui e colleghi hanno analizzato i dati di pazienti arruolati nella Thoracic Malignancies Cohort tra il 2012 e il 2019 con NSCLC non squamoso recidivante/metastatico, risultati KRAS disponibili e connessuna aberrazione dei geni EGFR/ALK/ROS1.

I ricercatori hanno confrontato le caratteristiche clinico-patologiche, il trattamento e la sopravvivenza generale per KRAS G12C, KRAS wildtype (KRASwt), KRAS-mutato e altre mutazioni KRAS (KRASother).

Come riportato su Lung Cancer, tra i 1.386 pazienti con NSCLC, 1.040 sono stati esclusi a causa del loro tumore non metastatico/recidivante; stato di KRAS ignoto; stato ALK/EGFR/ROS1-positivo o duplicati.

Nel complesso, sono stati analizzati 346 pazienti: 144 (42%) erano KRASmut, di cui 65 KRAS G12C. Tutti i pazienti con KRASG12C erano fumatori attivi o ex-fumatori, rispetto al 92% di quelli con KRASother e all’83% di quelli con KRASWT.

La prevalenza di metastasi cerebrali durante il follow-up si è rivelata simile tra KRASmut e KRASwt (33% vs. 40%) e tra KRASG12C e KRASother (40% vs. 41%).

La percentuale di pazienti riceventi una o più linee di terapia sistemica era comparabile e la sopravvivenza generale era simile tra KRASmut e KRASWT e tra KRASG12C e KRASother.

“Il 40% dei pazienti con NSCLC KRASG12C hanno sviluppato metastasi cerebrali durante il follow-up. Pertanto, in questo gruppo di pazienti, i trattamenti con una buona penetrazione intracranica hanno importanti implicazioni per il controllo a lungo termine della malattia. Anche se non abbiamo osservato alcun impatto prognostico delle mutazioni KRASG12C, si prevede che lo sviluppo di terapie mirate a KRASG12C, che hanno mostrato una promettente efficacia precoce nel NSCLC KRASG12C, potranno migliorare gli esiti nella popolazione”, concludono gli autori.

Fonte: Lung Cancer
Marilynn Larkin
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*