Home » Medicina » Musica pop: scoperto il meccanismo che incanta il cervello

Musica pop: scoperto il meccanismo che incanta il cervello

Quel motivetto che ti entra in testa senza alcun preavviso e ti porta a canticchiarlo ripetutamente senza riuscire a smettere? Tutta colpa del cervello che rimane incantato da accordi che suscitano incertezza e sorpresa. A rivelarlo è uno studio condotto dall’Istituto Max Planck di scienze cognitive umane e cerebrali, in Germania, in collaborazione con l’Università norvegese di Bergen. I risultati, pubblicati su Current Biology, potrebbero aiutare a sviluppare algoritmi per generare hit dal successo garantito o prevedere i trend musicali del futuro.

Proprio grazie all’intelligenza artificiale, i ricercatori hanno quantificato matematicamente il grado di incertezza e sorpresa che si nasconde in 80.000 accordi di 745 classici del pop entrati nella classifica americana di Billboard dal 1958 al 1991, inclusi ‘Obladì obladà’ dei Beatles e ‘Red red wine’ dei Ub40. Successivamente, oltre mille accordi (‘ripuliti’ dal ritmo e dalla melodia originale) sono stati fatti ascoltare a 39 volontari affinché ne giudicassero la piacevolezza. In un esperimento parallelo, 40 persone hanno ascoltato gli stessi accordi mentre l’attività del loro cervello veniva monitorata con una risonanza magnetica funzionale.

I risultati dimostrano che durante l’ascolto la sensazione di piacere si scatena quando crediamo di sapere quale accordo aspettarci e invece veniamo sorpresi da uno inatteso; d’altro canto, proviamo ugualmente piacere quando siamo incerti dell’accordo che sta per arrivare e poi ne sentiamo uno prevedibile che ci rassicura. Il piacere suscitato dalla musica si riflette anche nell’attività del cervello e, in particolare, in tre regioni: l’amigdala, che processa le emozioni, l’ippocampo, sede della memoria e dell’apprendimento, e la corteccia uditiva, che elabora i suoni. “La musica – commentano gli autori – potrebbe dunque scatenare piacere incoraggiando l’ascoltatore a creare e risolvere continuamente aspettative man mano che il brano si svolge nel tempo”.

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*