Melanoma localizzato: dopo intervento, l’autosorveglianza dei pazienti è sicura e praticabile

(Reuters Health) – Uno studio pilota indica che potrebbe essere sicuro e praticabile per i pazienti trattati per un melanoma localizzato gestire la sorveglianza di future lesioni cutanee a casa con l’aiuto di uno smartphone, l’assistenza in telemedicina e un partner per un contributo negli esami della pelle.

Lo studio – realizzato da ricercatori dell’Università di Sydney guidati da Katy Bell – ha incluso 100 pazienti trattati per melanoma localizzato in uno di due centri principali per i tumori della pelle a Sydney. I pazienti possedevano uno smartphone, avevano un partner che li assisteva con l’autoanalisi e si presentavano alle visite di follow-up. I soggetti sono stati randomizzati 1:1 a ricevere il solo trattamento abituale, che prevedeva una sorveglianza effettuata dal centro, o in associazione a un programma di sorveglianza da parte dei pazienti della durata di sei mesi.

I partecipanti nel gruppo dell’autosorveglianza hanno ricevuto promemoria regolari per l’effettuazione dell’autoanalisi, un dermatoscopio mobile da attaccare allo smartphone per una auto-dermatoscopia, valutazioni in telemedicina e appuntamenti di persona con un dermatologo quando necessario.

Rispetto al trattamento abituale, l’autosorveglianza da parte dei pazienti si associava ad autoanalisi della pelle significativamente più frequenti (odds ratio 3.5) e accurate (OR 2.2).

“Sapevamo da interviste ai pazienti, che avevamo precedentemente condotto, che vi era un interesse da parte di alcuni ad avere un maggior ruolo nella sorveglianza del loro melanoma e che molti nuovi melanomi vengono rilevati per la prima volta dai pazienti o dai loro familiari prima di una visita di routine”, ha dichiarato l’autrice principale Katy Bell, “I risultati dello studio pilota secondo cui la sorveglianza da parte dei pazienti è sicura, praticabile ed accettabile ci ha rassicurato e ha indicato che valeva la pena condurre uno studio più ampio sull’intervento per valutare gli effetti sugli esiti in termini di salute, tra cui il rilevamento precoce di un successivo melanoma”.

L’autosorveglianza non è sembrata avere un impatto avverso sugli esiti fisiologici, come valutato in base ai punteggi sulla sottoscala della paura di una recidiva del cancro (differenza media -1,3).

Inoltre, l’autosorveglianza non ha aumentato la probabilità di visite rispetto al trattamento abituale (rapporto di rischio 1,5), escissioni di lesioni cutanee (RR 1,1), o successive diagnosi di melanoma (differenza nel rischio 10%).

I ricercatori hanno rilevato nuovi melanomi primari e recidiva locale in 8 (16%) persone appartenenti al gruppo dell’autosorveglianza, rispetto alle 3 (6%) nel gruppo di controllo che aveva ricevuto solo una sorveglianza da parte dei medici. Nel gruppo dell’intervento, questi melanomi nuovi e localmente recidivanti sono stati riscontrati in 5 persone prima di una visita programmata di routine. Nessuno dei melanomi è stato rilevato prima degli esami programmati di routine nel gruppo di controllo.

Fonte: JAMA Dermatology

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022