Medici in formazione: il rischio di depressione aumenta con le ore di lavoro

Più ore di lavoro si dedicano nella settimana a lavori stressanti – come quello del medico – e maggiore sarà il rischio di andare incontro a una forma di depressione.

È la conclusione cui è giunta una ricerca condotta su medici neolaureati in formazione – pubblicata sul New England Journal of Medicine – da un team di scienziati dell’Università del Michigan, che ha usato metodi statistici avanzati per simulare un trial clinico randomizzato.

Un ritmo di lavoro di oltre 90 ore a settimana è stato associato a cambiamenti nei punteggi dei sintomi della depressione in misura tre volte maggiore rispetto a quelli registrati tra chi lavora 40-45 ore a settimana.

Il team americano, in particolare, ha evidenziato una ‘dose-risposta’ tra ore lavorate e sintomi della depressione, con una media di aumento dei sintomi di 1,8 punti sul punteggio standard, per coloro che lavorano 40-45 ore, fino a 5,2 punti in più per quelli che lavorano più di 90 ore.

Per lo studio i ricercatori hanno attinto ai dati dell’Intern Health Study, relativi a più di 17mila medici al primo anno di lavoro, che sono stati seguiti per 11 anni.

Fonte: New England Journal of Medicine 2022

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022