Malattie polmonari interstiziali fibrotiche: traffico e inquinamento industriale peggiorano il quadro

Le persone affette da malattie polmonari interstiziali fibrotiche vanno più facilmente incontro a un aggravamento della patologia e a morte precoce se i pazienti vivono in zone con elevati livelli di inquinanti dell’aria dovuti alla presenza di industrie e al traffico.

A evidenziarlo è uno studio condotto dall’Università di Pittsburgh e pubblicato da JAMA Internal Medicine.

I ricercatori americani hanno raccolto dati da un bacino di 6.683 pazienti con malattie polmonari interstiziali fibrotiche e hanno collegato gli indirizzi di residenza dei pazienti con gli strumenti satellitare e a terra che misuravano l’inquinamento dell’aria, con l’obiettivo di determinare la composizione degli inquinanti a distanza di mezzo miglio.

I ricercatori hanno valutato, in particolare, i livelli del particolato PM2,5, un componente talmente piccolo che può infiltrare in profondità nel polmone ed entrare nel circolo sanguigno.

Dai risultati è emerso che i livelli di PM2,5 erano collegati a una malattia più grave alla diagnosi, a una più rapida progressione della malattia misurata dal declino della funzionalità polmonare e a una più alta probabilità di morte precoce. Anche un inquinamento con elevati livelli di zolfo, nitrati e ammonio è stato associato ad outcome di salute peggiori, mentre la formazione del particolato con sostanze quali sali e polveri non ha portato ad un’associazione così evidente.

Fonte: JAMA Internal Medicine 2022

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022