Linfoma refrattario a grandi cellule B: terapia CAR-T superiore a standard di cura

I risultati top-line dell’analisi primaria di ZUMA-7, uno studio globale di fase III multicentrico e randomizzato, dimostrano la superiorità della terapia CAR-T axicabtagene ciloleucel rispetto allo standard di cura (SoC, Standard of Care) nel trattamento di seconda linea del linfoma refrattario a grandi cellule B (LBCL, large B-cell lymphoma) recidivante o refrattario.

Con un follow-up mediano di due anni, lo studio ha soddisfatto l’endpoint primario di sopravvivenza libera da eventi (EFS, Event-Free Survival; hazard ratio 0,398, p <0,0001). Lo studio ha anche soddisfatto il suo endpoint secondario chiave di tasso di risposta obiettiva (ORR, Objective Response Rate). L’analisi ad interim della sopravvivenza globale (OS, Overall Survival) ha mostrato una tendenza a favore di axicabtagene ciloleucel; tuttavia, i dati sono al momento immaturi, e ulteriori analisi sono previste per il futuro.

La sopravvivenza globale misura i decessi nel tempo per qualsiasi causa. La sopravvivenza libera da eventi è definita come il tempo dalla randomizzazione alla progressione della malattia, all’inizio di una nuova terapia per il linfoma o al decesso per qualsiasi causa. Lo studio clinico ZUMA-7 è stato condotto nell’ambito di un accordo protocollo speciale (SPA, Special Protocol Agreement) con la Food and Drug Administration statunitense, in base al quale il disegno dello studio, gli endpoint clinici e l’analisi statistica sono stati concordati in anticipo con l’Agenzia.

I risultati di sicurezza dello studio sono coerenti o migliori in riferimento al profilo di sicurezza noto di axicabtagene ciloleucel per il trattamento del LBCL nel contesto di terza linea. Il 6% dei pazienti ha manifestato sindrome da rilascio di citochine (CRS) di grado 3 o superiore, con un esordio mediano a tre giorni, e il 21% ha presentato eventi neurologici di grado 3 o superiore. In questa impostazione di seconda linea non sono stati identificati nuovi problemi di sicurezza.

Nello studio ZUMA-7 è stata valutata un’infusione una tantum della terapia con cellule CAR-T axicabtagene ciloleucel rispetto al SoC in pazienti adulti con LBCL recidivante o refrattario. Lo standard di cura per il LBCL recidivante o refrattario è un processo in due fasi: viene introdotta l’immunochemioterapia e, se il paziente risponde ed è in grado di tollerare ulteriori trattamenti, si passa alla chemioterapia ad alte dosi più trapianto di cellule staminali.

“Axicabtagene ciloleucel è stato determinante nel trasformare gli esiti per i pazienti con LBCL in terza linea di trattamento. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di rendere disponibili i benefici della terapia con cellule CAR-T al maggior numero di pazienti possibile nelle prime fasi del loro trattamento, quando il potenziale del trattamento potrebbe essere ancora maggiore”, dichiara Christi Shaw, Chief Executive Officer di Kite. “In qualità di leader nelle terapie cellulari, Kite è onorata di aver condotto questo studio importante, e desidera ringraziare i pazienti, le loro famiglie, i medici e i team sanitari in tutto il mondo, che l’hanno reso possibile”.

ZUMA-7 è stato avviato nel 2017 e ha arruolato 359 pazienti in 77 centri in tutto il mondo. Con una mediana di due anni, i risultati annunciati oggi rappresentano il tempo di follow-up più lungo di qualsiasi studio condotto in questo contesto. I pazienti arruolati avevano tra i 22 e gli 81 anni, con il 30% di età pari o superiore a 65.

I risultati dettagliati di ZUMA-7 saranno presentati a un futuro congresso medico, e Kite prevede di avviare discussioni con la FDA, l’EMA e altre Autorità Sanitarie globali in merito alla presentazione entro la fine dell’anno della domanda di estensione delle indicazioni attualmente autorizzate per axicabtagene ciloleucel. Axicabtagene ciloleucel non è stato approvato da alcuna Autorità Regolatorie per il trattamento di pazienti in seconda linea di trattamento. Il 40% circa dei pazienti con LBCL necessita di un trattamento di seconda linea, poiché il tumore recidivi o non risponda al trattamento.

Post correlati

Lascia un commento

*