Home » Medicina » Ipertensione: vivere in zone ad alta densità criminale è un rischio

Ipertensione: vivere in zone ad alta densità criminale è un rischio

(Reuters Health) – Vivere in aree ad alta densità criminale è da tempo legato a tassi più elevati, nella popolazione generale, di cardiopatia e fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione, diabete e fumo. Tuttavia, finora gli studi non hanno offerto un quadro chiaro di ciò che accade quando i tassi di criminalità variano nel tempo.

“Il nostro studio dimostra per la prima volta che l’aumento dei tassi di crimini violenti si associa a un incremento della pressione sanguigna dei pazienti e a un maggior ricorso al sistema sanitario”, dice. Corey Tabit, ricercatore di cardiologia presso l’Università di Chicago e autore principale di un nuovo studio su questo argomento.

Lo studio
I ricercatori hanno rilevato i cambiamenti nella pressione in 17.783 adulti residenti a Chicago dal 2014 al 2016, periodo in cui in alcune comunità la criminalità è aumentata. Inoltre, hanno calcolato i tassi di crimini violenti in ciascuna comunità, considerando il numero di episodi all’anno ogni 1.000 persone, che costituivano una sezione di censimento.

All’inizio dello studio, metà delle sezioni di censimento presentavano tassi di crimini violenti di almeno 41,3 episodi ogni 1.000 residenti. Nei tre anni di studio, in alcuni luoghi tali tassi sono aumentati a 59 episodi all’anno ogni 1.000 persone e in altre parti della città sono scesi a 31,1 episodi ogni 1.000 persone.

Nel complesso, ogni aumento di 20 episodi/1.000 persone nei tassi di crimini violenti in città risultava associato al 3% in più delle probabilità che i soggetti avessero una pressione al di sopra dei 140/90 mmHg.Ogni aumento di 20 unità era anche correlato al 6% in più di probabilità di ricovero per problemi cardiovascolari.

“È stato interessante osservare un più grande aumento della pressione nelle persone residenti in aree a più basso tasso di criminalità rispetto a quelle che vivevano in zone più interessate dal fenomeno”, ha spiegato Tabit. “Questo risultato potrebbe suggerire che le persone con un’esposizione cronicamente elevata al crimine potrebbero abituarsi alle condizioni del loro quartiere, il che potrebbe isolarli dagli effetti negativi di ulteriori incrementi nella criminalità”.

Nelle comunità in cui sono aumentati i crimini violenti durante il periodo di studio, un incremento di 20 unità nel tasso di crimini di questo tipo era associato a un 8% in meno di probabilità che i soggetti soffrissero di ipertensione.

Tuttavia, nei quartieri più sicuri, un aumento di 20 unità nei tassi di crimini violenti in tutta la città si associava al 5% in più delle probabilità di aumento della pressione sanguigna.

Fonte: American Journal of Hypertension
Lisa Rapaport
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*