Il COVID-19 può causare restringimento del cervello e perdita della memoria

Covid cervello(Reuters) – Il COVID-19 può causare il restringimento del cervello, la riduzione di sostanza grigia nelle regioni che controllano emozioni e memoria e può danneggiare aree che controllano il senso dell’olfatto. E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla Oxford University.

I ricercatori hanno dichiarato che gli effetti sono stati osservati anche in persone che non erano state ricoverate per COVID e rimane da approfondire se l’impatto potrebbe essere parzialmente annullato o persistere a lungo termine.

Lo studio peer-reviewed, pubblicato dalla rivista Nature, ha indagato i cambiamenti al livello cerebrale in 785 partecipanti di età compresa tra 51 e 81 anni dopo due scansioni 401 di questi soggetti hanno contratto il COVID tra la prima scansione e la successiva. La seconda scansione è stata effettuata in media 141 giorni dopo la prima.

Lo studio è stato condotto quando la variante Alpha era dominante in Inghilterra ed è improbabile che abbia incluso soggetti infetti con variante Delta.

I ricercatori non hanno chiarito se la vaccinazione contro il COVID abbia avuto un impatto sulla condizione, ma la UK Health Security Agency lo scorso mese ha fatto sapere che – sulla base della revisione di 15 studi – le persone vaccinate avevano circa la metà delle probabilità di sviluppare sintomi di long COVID rispetto ai non vaccinati.

Fonte: Nature

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Popular Science Italia © 2022