Fadoi: l long Covid colpisce il 15% dei guariti  

Ricoveri, visite e accertamenti da recuperare negli ospedali a causa di quest’ultima ondata pandemica, ma anche pazienti affetti da long Covid da continuare a seguire. Strascichi anche importanti che in media interessano intorno al 15% dei guariti, con il 41,7% delle strutture ospedaliere che indica una percentuale tra il 5 e il 10% di long Covid, che sale pero’  tra il 10 e il 20% nel 33,3% dei nosocomi, tra il 20 e il 30% dei guariti nell’8,3% degli ospedali, mentre soltanto il 16,7% delle strutture ha rilevato meno di un 5% di long Covid.

Il dato e’  evidenziato dall’indagine lanciata dalla Federazione degli internisti ospedalieri (Fadoi) condotta su 19 regioni.    I disturbi prevalenti sono: stanchezza cronica, accusata dal 79,2% dei guariti, difficolta’  respiratorie ( 62,5%), ‘nebbia cerebrale’ ( 20,8%), mentre il 16,7% ha accusato problemi neurologici e una stessa percentuale cardiaci.    Ben l’87,5% degli ospedali ha comunque attivato servizi dedicati ai pazienti long Covid, nella maggior parte dei casi ambulatori dedicati, con possibilita’  di eseguire follow up.    “Dati – afferma il presidente Fadoi Dario Manfellotto – che testimoniano lo sforzo compiuto dagli ospedali e in particolare dai reparti di medicina interna, per non lasciare soli i tanti pazienti che accusano complicanze anche a distanza di mesi dalla guarigione”.

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022