Diabete: livelli HbA1c dopo un ictus indicano rischio di evento vascolare successivo

(Reuters Health) – Nei pazienti con diabete che hanno subito un ictus ischemico, i livelli di HbA1c al momento del ricovero sono associati al successivo rischio di eventi vascolari. È quanto ha osservato uno studio coreano guidato da Jun Young Chang, dell’Asan Medical Center di Seul, e pubblicato da Neurology.

Il team di Chang ha analizzato dati relativi a 18.567 pazienti diabetici che hanno sofferto di un attacco ischemico transitorio o di un ictus ischemico acuto entro sette giorni dall’insorgenza dei sintomi. A un anno di follow-up, 1,437 pazienti, circa l’8%, avevano avuto un infarto o erano morti per malattie vascolari e 954, il 5%, avevano avuto un altro ictus.

Dall’analisi è emerso che il rischio aumentava significativamente a una soglia di HbA1c del 6,8-7%, rispetto a una soglia inferiore al 6%. Dopo aver ‘aggiustato’ i dati, il rischio dei partecipanti di andare incontro a infarto o altre malattie vascolari era maggiore del 27%, quando i pazienti ricoverati avevano livelli di HbA1c superiori al 7%, rispetto ai pazienti con livelli inferiori al 6,5%. Il rischio di subire un altro ictus era maggiore del 28%, inoltre, quando i ricoverati avevano livelli di HbA1c superiori al 7%, rispetto a quelli con valore inferiore a 6,5%.

L’influenza del livello di HbA1c al ricovero sul rischio di eventi vascolari era particolarmente pronunciata tra i pazienti con una glicemia a digiuno al momento del ricovero di 130 mg/dL o meno. “La discordanza tra HbA1c e glicemia a digiuno è stata riscontrata in quasi il 25% dei pazienti con diabete di tipo 2 e l’età avanzata, l’indice di massa corporea, il sesso maschile, il fegato grasso e una storia prolungata di diabete erano associati a un’elevata glicemia a digiuno e normali valori di HbA1c, per cui l’aumento del rischio cardiovascolare tra i pazienti con questa discordanza potrebbe essere attribuito a queste caratteristiche”, spiega Chang.

Gli intervalli ottimali di HbA1c associati a rischi minimi per eventi vascolari erano più bassi per il sottotipo da occlusione dei piccoli vasi (6,6), rispetto all’aterosclerosi delle grandi arterie (7,3) o al sottotipo cardioembolico (7,4). “Dal momento che il target glicemico può essere diverso a seconda del sottotipo di ictus ischemico, potrebbe essere necessario un approccio individualizzato per pianificare il controllo glicemico in ciascun paziente”, conclude Chang.

Fonte: Neurology
Marilynn Larkin
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*