Demenza: sintomi precoci rilevabili già nove anni prima della diagnosi

Secondo quanto emerge dal lavoro di un team di scienziati dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, è possibile rilevare sintomi precoci di demenza già nove anni prima della diagnosi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati da Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association.

Il gruppo ha analizzato i dati provenienti dalla UK Biobank. Il database contiene informazioni genetiche, su stile di vita e sulla salute raccolte in forma anonima su mezzo milione di inglesi, tra i 40 e i 69 anni. Tra queste informazioni ci sono dati su problem solving, memoria, tempi di reazione, forza della stretta di mano e numero di cadute, segni caratteristici di patologie neurologiche.

I dati raccolti hanno consentito ai ricercatori di individuare coloro che mostravano questi sintomi al baseline, confrontandoli cinque o nove anni dopo, quando era stata posta una diagnosi di demenza o di malattia neurodegenerativa.

E’ emerso che le persone con diagnosi successiva di Alzheimer avevano totalizzato punteggi più scarsi rispetto ai soggetti sani a livello di problem solving, tempi di reazione e memoria.
Inoltre, le persone che sviluppavano Alzheimer avevano una maggiore probabilità degli adulti sani di andare incontro a una caduta nei 12 mesi precedenti alla diagnosi. In generale, per ogni patologia studiata, dal Parkinson alla demenza a corpi di Lewy, i pazienti, al baseline, avevano outcome più bassi a livello di salute.

Fonte: Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association 2022

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022