L’impatto della sindrome PCOS sul rischio di sviluppare cancro ovarico e disturbi della tiroide

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo ormonale comune che colpisce le donne. È caratterizzata da iperandrogenismo, morfologia policistica dell’ovaio e altri disturbi correlati. È associato a varie condizioni di salute, come l’infertilità e l’aumento del rischio di problemi cardiaci. Anche il cancro alle ovaie costituisce una preoccupazione significativa, poiché è la quinta causa di morte nelle donne. Sebbene esistano prove che suggeriscono una potenziale associazione tra PCOS e cancro ovarico, l’esatta natura di questa relazione rimane poco chiara. Anche i disturbi della tiroide, in particolare l’ipotiroidismo e la tiroidite di Hashimoto, sono stati collegati alla PCOS.
La presenza di ipotiroidismo può contribuire allo sviluppo della morfologia dell’ovaio policistico, influenzando l’ovulazione e l’equilibrio ormonale. Molti lavori hanno dimostrato una maggiore ubiquità delle malattie autoimmuni della tiroide nei pazienti con PCOS, indicando una potenziale associazione tra le due condizioni. La comparsa di PCOS, irsutismo e acne sottolinea la frequenza dei disturbi endocrini nelle donne. Una revisione condotta dall’Amity Institute of Biotechnology di Uttar Pradesh, India, esamina i rilevanti lavori condotti in precedenza sull’associazione tra PCOS e cancro ovarico, nonché tra PCOS e disturbi della tiroide.
È stata condotta una ricerca sistematica della letteratura su PubMed, Scopus e il database Google Scholar, per identificare pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria relative a PCOS, cancro ovarico e disturbi della tiroide. Mentre alcuni studi hanno delineato un legame significativo tra PCOS e cancro ovarico o disturbi della tiroide, altri hanno prodotto risultati inconcludenti. Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire una relazione causale definitiva tra queste condizioni. Comprendere la relazione tra PCOS, cancro ovarico e disturbi della tiroide è fondamentale per la diagnosi precoce, una diagnosi accurata e una gestione efficace di queste condizioni. Identificare potenziali fattori di rischio e sviluppare strategie di screening adeguate può migliorare i risultati in termini di salute delle donne e ridurre il peso associato a questi disturbi, rilevano gli autori.

Post correlati

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2024