Home » Medicina » Zika: Oms conferma, c’è legame tra virus e microcefalia

Zika: Oms conferma, c’è legame tra virus e microcefalia

zikaIl ‘forte sospetto’ è diventato certezza. La correlazione tra il virus Zika e la microcefalia c’è. A confermarlo per la prima volta nel suo ultimo bollettino è proprio l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Una volta stabilito il legame però restano ancora molti i punti oscuri dell’epidemia, a cominciare da quanto aumenti il rischio, anche se i dati attuali sembrano essere più confortanti delle previsioni iniziali. “Sulla base di studi osservazionali, di coorte e caso-controllo – si legge – c’è un forte consenso scientifico che il virus Zika sia causa di microcefalia, sindrome di Guillain Barré (Gbs) e altre malattie neurologiche”.

Secondo il documento 13 paesi finora hanno riportato un aumento della Gbs, una malattia in cui il sistema immunitario attacca quello nervoso che nella maggior parte dei casi guarisce, mentre il conto di quelli che hanno trovato un aumento anomalo di microcefalia e altre malformazioni fetali sono sei, in aumento rispetto ai quattro dell’ultima edizione del bollettino. In particolare in Brasile uno studio pubblicato dalla rivista dei Cdc americani ha trovato che nelle zone con il virus Zika l’incidenza della microcefalia è risultata 2,8 casi ogni 10mila nati vivi, mentre in quelle senza e’ di 0,6 casi ogni 10mila nati vivi.

In pratica gli esperti hanno censito 574 casi confermati di microcefalia nel paese nel 2015, mentre nel periodo tra il 200 e il 2014, prima che arrivasse il virus, erano stati in media 157, su una popolazione di circa 3 milioni di nuovi nati. “Uno studio pubblicato recentemente basato sull’epidemia in Polinesia Francese – ricorda l’Oms – ha stimato il rischio in 95 casi ogni 10mila donne infette”. In totale sono 61 i paesi dove è stato trovato il virus Zika in pazienti, in 33 dei quali c’è una trasmissione dovuta a zanzare, mentre negli altri si tratta di casi importati o di trasmissione sessuale.

Per il momento la trasmissione tramite insetti è limitata all’emisfero australe, dove si è appena conclusa la stagione estiva, mentre si aspetta l’estate nell’emisfero nord per capire quanto il virus possa spingersi a nord, seguendo le zanzare aedes agipty e aedes albopictus. Secondo una previsione pubblicata dal New England Journal of Medicine, ad esempio, negli Usa Zika potrebbe spingersi fino a New York e al New England nella parte est, mentre la costa ovest potrebbe essere a rischio fino a San Francisco.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*