Home » Medicina » Viva l’ossitocina, l’ormone della vita sociale

Viva l’ossitocina, l’ormone della vita sociale

L’ossitocina è l’ormone che “regola” la nostra vita relazionale e di coppia. Non solo ci fa innamorare, cementa il legame tra madre e figlio e quello sessuale con il partner, ma è anche un vero e proprio ‘motore’ delle relazioni sociali. I neuroni che la producono si trovano anche nel circuito cerebrale della ricompensa, rendendo fonte di soddisfazione le relazioni con gli altri. Lo spiegano sulla rivista Science i ricercatori dell’Università’ di Stanford, guidati da Robert Malenka.

“Il circuito della ricompensa è fondamentale perchè ci premi aper le azioni che, durante l’evoluzione, hanno permesso dimigliorare la nostra sopravvivenza e riproduzione”, dice Malenka. “E’ quello che ci dice cosa dobbiamo fare per sentire bene, tipo mangiare quando si ha fame, bere acqua quando si ha sete. Uscire con gli amici aiuta nella sopravvivenza perchè riduce il rischio di essere ‘mangiati’ dai predatori, e aumenta le possibilità di trovare un partner”. La parte più importante di questo circuito cerebrale è  un gruppo di neuroni che va dalla cosiddetta area tegmentale ventrale a un’altra. chiamata nucleo accumbens, lungo la quale viene rilasciatala dopamina, che produce un’ondata di piacere, che dice al cervello che l’evento che sta per accadereè utile allasopravvivenza. “Ora sappiamo che il circuito della ricompensa ha un ruolo nelle interazioni sociali”, aggiunge Malenka. Il suo gruppo di ricerca ha dimostrato, per la prima volta nei topi, che l’attività dei neuroni che rilasciano l’ossitocina in questo tratto si impenna durante le interazioni sociali, e che la loro azione è necessaria alle normali relazioni sociali. Bloccandola si è visto infatti che si inibisce la socievolezza, ma non l’appetito o la sete. L ‘ossitocina stimola le relazioni sociali, influenzando i neuroni della dopamina e potenziando il circuito della ricompensa. Un risultato che può essere utile per aiutar eanche chi ha problemi nel socializzare, come le persone affette da autismo e schizofrenia.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*