Home » Medicina » Vaccinazioni influenza: -6% in 5 anni, allerta anziani

Vaccinazioni influenza: -6% in 5 anni, allerta anziani

InfluenzaSono crollate le vaccinazioni influenzali che in 5 anni si sono ridotte del 6%, in particolare fra gli anziani, colpa, avverte l’Istituto Superiore di Sanità, dei falsi allarmi degli scorsi anni, l’ultimo proprio nel novembre 2014. Le coperture relative alla popolazione anziana (età superiore ai 65 anni, a maggiore rischio) hanno seguito lo stesso trend con percentuali maggiori.

La copertura vaccinale negli anziani, che era al di sotto del 50% prima del 2000, era cresciuta, fino a toccare una punta massima del 68,3%, nel 2005/2006, per poi scendere a partire dalla stagione successiva a quella dell’anno pandemico (il 2009), ma restando al di sopra del 60% fino al 2011/2012, per poi crollare dal 55,4% del 2013/2014 al 48,6% del 2014/2015. “La causa del trend negativo delle vaccinazioni anti influenzali è dovuto in parte a falsi allarmi legati a presunti danni da vaccino o impurità presenti in alcuni lotti”, ha spiegato Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ricordando che ”in nessun caso, questi allarmi sono stati confermati. Anzi, ci sono diversi studi che mostrano un effetto protettivo del vaccino, sia fra i bambini di età compresa fra i 6 mesi e i 2 anni (per i quali comunque la vaccinazione non viene raccomandata in Italia) che nelle persone a rischio di complicanze”.

In particolare, aggiunge Ricciardi, ”oltre a ridurre il rischio diretto di gravi complicanze, talvolta letali, insorgenti nel corso di un attacco influenzale, il vaccino è in grado di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari, come mostrato da studi sperimentali ed osservazionali condotti in diversi gruppi di popolazione”. L’influenza è ancora al di sotto della soglia epidemica (al momento si contano 200 mila italiani messi a letto a causa del virus di quest’anno) e come avviene ogni anno, la curva dovrebbe cominciare a salire nelle prossime settimane, per raggiungere un picco fra gennaio e febbraio. Ed è proprio questo il momento in cui si dovrebbe concentrare il massimo delle vaccinazioni.  Perciò è questo il momento per proteggersi vaccinandosi. Nella letteratura scientifica, ricorda l’Istituto Superiore di Sanità, ”sono molte le evidenze a favore della vaccinazione anti-influenzale sono molte e più che convincenti”. Fra queste che il vaccino in alcuni casi è un vero e proprio salvavita ed è uno strumento attraverso il quale si ottiene un risparmio, sia in termini di giorni di malattia evitati, che di riduzione di ospedalizzazioni e trattamenti antibiotici.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*