Home » Biotecnologie » Un diamante è per sempre… anche contro i tumori

Un diamante è per sempre… anche contro i tumori

diamanteIl futuro della caccia ai tumori è segnato da diamanti sintetici piccolissimi. Grandi pochi milionesimi di millimetri, potrebbero essere usati come traccianti nella risonanza magnetica per localizzare e studiare le cellule malate. L’idea è di un gruppo di fisici dell’Università di Sydney che su Nature Communications fa il punto sui primi esperimenti. Tra questi, anche il veleno di scorpione potrebbe essere impiegato per individuare i tumori del cervello.

”I nano-diamanti sono già stati presi in considerazione come veicolo per la chemioterapia perché non sono tossici né reattivi”, spiega il ricercatore David Reilly. ”Quindi abbiamo pensato che potevamo sfruttarli anche noi, considerando che hanno proprietà fisiche che li rendono perfetti come traccianti per la risonanza magnetica”. I ricercatori hanno pensato di allineare gli atomi dei diamanti, sfruttando un processo definito di iperpolarizzazione, per riuscire a creare un segnale che potesse essere letto dai rilevatori usati nelle risonanze magnetiche.

”Attaccando i diamanti iperpolarizzati alle molecole dirette contro i tumori, siamo in grado di seguire i loro spostamenti nel corpo”, spiega la coordinatrice dello studio Ewa Rej. ”Questo è uno splendido esempio di come la ricerca nel campo della fisica possa affrontare i problemi del mondo reale, in questo caso – aggiunge Reilly – aiutandoci a visualizzare e bersagliare il tumore molto prima che diventi pericoloso”. I nano-diamanti verranno a breve testati sugli animali. Intanto i ricercatori stanno mettendo in pista una serie di esperimenti per ottenere dei derivati del veleno di scorpione da usare nella lotta ai tumori cerebrali.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*