Home » Medicina » Un brutto carattere allunga la vita? In alcuni casi sì

Un brutto carattere allunga la vita? In alcuni casi sì

Potrebbe sembrare assurdo ma è così. Avere un caratteraccio potrebbe non essere un fattore così negativo. Il nervosismo, l’irritabilità, la preoccupazione e addirittura la frustrazione potrebbero essere protettivi per la salute e diminuire il rischio di morte. A rivelarlo è uno studio condotto presso l’Università di Edimburgo e pubblicato su Psychological Science.

La ricerca
Diretto da Catharine Gale, lo studio ha evidenziato che individui con personalità tendenzialmente nevrotica (negativi, preoccupati, che si sentono frustrati, vulnerabili, spesso arrabbiati o irritati) hanno un minore rischio di morte quando ritengono che la propria salute sia appena discreta o del tutto non buona. Inoltre questi individui, quando sono particolarmente tendenti alla vulnerabilità e alla preoccupazione, hanno sempre – indipendentemente da come percepiscono la propria salute – un minor rischio di morire per qualunque causa rispetto ad altri individui non ‘nevrotici’.

Per arrivare a questi risultati gli esperti hanno sottoposto a questionari sulla personalità oltre 500 mila persone, il cui stato di salute è stato seguito per un tempo medio di quasi 7 anni e sono stati registra anche tutti i decessi. Inoltre, i partecipanti dovevano soggettivamente giudicare il proprio stato di salute e fornire dettagli sui propri stili di vita.

Resta da capire perché avere un siffatto ‘caratteraccio’ sia in qualche modo protettivo per la salute; ciò è risultato essere indipendente dagli stili di vita di queste persone. Su questo aspetto gli scienziati stanno attualmente indagando.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*