Home » Medicina » Tumori: sperimentazione su nuovi farmaci con molecole di metallo

Tumori: sperimentazione su nuovi farmaci con molecole di metallo

Molecole metallorganiche per sconfiggere i tumori. Per realizzarle sono al lavoro i ricercatori guidati dall’Esrf-Sincrotrone europeo di Grenoble e l’Istituto nazionale francese di sanità e ricerca medica (Inserm). Come descritto su Angewandte Chemie, si tratta di farmaci con molecole contenenti anche atomi di metallo in grado di colpire le cellule tumorali simultaneamente su più fronti.

Nel 10-20% dei casi di tumore al seno per esempio, la terapia a base di ormoni e anticorpi non funziona. In questo caso i ricercatori hanno voluto studiare il percorso compiuto da molecole derivate da un farmaco molto usato, il tamossifene, per raggiungere le cellule tumorali. Questo ‘metallo-farmaco’ ha dimostrato di avere un’efficacia a largo spettro e di evitare il problema della resistenza ai farmaci.

“Sapevamo che queste molecole funzionano bene, ma non come riuscivano a uccidere le cellule del cancro. Per questo abbiamo voluto quantificare e localizzare il medicinale dentro la cellula, in modo da capire perché è efficiente”, commenta Sylvain Bohic, coordinatore dello studio. Sono così riusciti a dimostrare, per la prima volta, come la molecola riesca a penetrare dentro la membrana della cellula tumorale.

“E’ come se la molecola metallorganica iniziasse a sparare più fuochi su posti diversi della cellula tumorale, finché questa non riesce più a farvi fronte e muore”, continua Bohic. I risultati sono promettenti, perché questa nuova famiglia di farmaci, che agisce su più bersagli, potrebbe un giorno diventare un’alternativa alla terapia classica. “Si tratta di uno stadio molto iniziale della ricerca – conclude il ricercatore -, ma è promettente. Il prossimo passo sarà capire come questa molecola agisce sulle cellule sane e studiare la tossicologia”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*