Home » Medicina » Tumori: in Italia seno e prostata sempre meno pericolosi

Tumori: in Italia seno e prostata sempre meno pericolosi

ItaliaI tumori della mammella e della prostata non fanno più paura, con un tasso di sopravvivenza che ormai supera l’87% per il primo e il 91% per il secondo. Sono queste le neoplasie per cui si hanno numeri migliori, ma secondo i numeri diffusi ieri dall’Aiom anche altri hanno avuto grandi miglioramenti, mentre resta uno ‘zoccolo duro’ difficile da aggredire. In aumento, scrive l’Aiom, è anche la sopravvivenza per il tumore del colon retto, che è del 64% per gli uomini e del 63% per le donne. Non migliora invece la sopravvivenza per il tumore del polmone, 14% per gli uomini e 18% per le donne, e del pancreas, 7% per gli uomini e 9% per le donne.

I tumori più diffusi
Il tumore più frequente in entrambi i sessi è quello del colon retto, con quasi 52mila diagnosi stimate, seguito da mammella (48mila), polmone (41mila), prostata e vescica. Dividendo per genere si ha che il cancro più frequente per gli uomini è quello della prostata, seguito da polmone, colon retto e vescica, mentre per le donne al top c’è quello della mammella, un terzo di tutte le neoplasie, seguito da colon retto e polmone. Secondo gli ultimi dati disponibili, risalenti al 2012, il tumore che fa registrare il maggior numero di decessi e’ quello al polmone, 33538, seguito da colon-retto (19202), seno (12004), pancreas (10722), stomaco (10000) e prostata (7282). Nonostante gli ottimi risultati sul fronte della sopravvivenza i tumori alla mammella restano quelli che uccidono di più le donne, per effetto dell’alta incidenza. Tra gli uomini e’ invece il tumore del polmone e’ quello che uccide di più in tutte le fasce di eta’, e rappresenta il 15% dei decessi tra 0 e 49 anni, il 30% tra 50 e 69 anni e il 27% tra gli over 70. Per le donne il cancro al seno rappresenta il 29% dei decessi oncologici tra le giovani, il 23% tra le adulte e il 16% tra le over 70.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*