Home » Medicina » Tumore osseo: singola dose di radioterapia migliora la qualità della vita

Tumore osseo: singola dose di radioterapia migliora la qualità della vita

(Reuters Health) – Una singola dose (8 Gy) di radiazioni allevia il dolore legato alle metastasi ossee, migliorando anche la qualità della vita dei pazienti. È quanto emerge da uno studio canadese pubblicata da JAMA Oncology.“Ad oggi, gli studi che hanno segnalato un miglioramento della qualità della vita (QOL) a seguito della radioterapia per le metastasi ossee sono stati condotti su campioni di piccole dimensioni e non hanno utilizzato questionari specifici per le cure palliative dei tumori nelle popolazioni con metastasi ossee – dice Rachel McDonald del Sunnybrook Health Sciences Center a Toronto, principale autore dello studio – Dunque i miglioramenti in QOL in tempo reale dopo la radioterapia sono sconosciuti “. Utilizzando un questionario EORTC QLQ-BM22, che è specifico per le metastasi ossee, il team guidato da McDonald ha scoperto che un “miglioramento della qualità della vita, in particolare negli ambiti legati al dolore, ai disturbi funzionali e agli aspetti psico-sociali, può essere visto come già 10 giorni dopo il trattamento. Ulteriori miglioramenti nella maggior parte degli ambiti della QOL sono stati visti anche dopo 42  trattamento”.

Lo studio
McDonald e colleghi hanno condotto un’analisi secondaria di un trial sul controllo di un gruppo dei sintomi che includeva pazienti provenienti da 23 centri oncologici canadesi dal 2011 al 2014. I pazienti sottoposti a radioterapia per le metastasi ossee erano quelli con un punteggio del dolore al sito di trattamento di almeno 2 (range, da 0 a 10) e sono stati seguiti per 42 giorni. Dei 298 pazienti selezionati (età media, 69 al giorno 10 e 68 al giorno 42), 122 (40,9%) hanno risposto alla radioterapia al giorno 10 e 116 (38,9%) al giorno 42. Si è così evidenziato che al giorno 10, rispetto ai non responder, i responder avevano una maggiore riduzione media del dolore (17,0 vs 1,8; p = 0,002) e nelle caratteristiche del dolore (12,8 contro 1,1; p = 0,002). Inoltre i responder hanno mostrato in media più miglioramenti negli aspetti che influivano con le funzioni (aumento medio, 11,6 vs 3,6; p = 0,01) e negli aspetti psico-sociali (aumento medio, 1,2 punti nei responder rispetto a una riduzione media di 2,2 punti nei non-responder, P = 0.04).

E ancora, dal basale al giorno 42, rispetto ai non responder, i responder evidenziavano un aumento dei miglioramenti fisici (6,2 incremento rispetto a 9,0 diminuzione; p <0,001), emotivi (12,3 aumento rispetto a una diminuzione 5,5; p <0,001), e nei domini della qualità della vita a livello globale (10.3 incremento rispetto a 4,5 diminuzione; p <0.001). Complessivamente, il 40% dei pazienti ha sperimentato una riduzione del dolore e una migliore qualità della vita 10 giorni dopo la radioterapia, e i responders hanno mostrato ulteriori miglioramenti anche dopo 42 giorni. Conclude McDonald: “Dato il rapido miglioramento del dolore e della qualità della vita dopo il trattamento, la radioterapia per le metastasi ossee dolorose dovrebbe essere offerta anche ai pazienti con aspettativa di vita molto limitata”.

Fonte: JAMA Oncol 2017

 Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*