Home » Medicina » Tumore della prostata: possibile cura da antidepressivi

Tumore della prostata: possibile cura da antidepressivi

Nuove possibilità terapeutiche si aprono per i pazienti con tumore della prostata in fase avanzata. Uno studio pubblicato su Cancer Cell rivela, infatti, che un antidepressivo potrebbe svolgere un ruolo fondamentale in questa patologia, bloccando un enzima che aiuta le cellule tumorali a diffondersi nelle ossa.

Lo studio
Il tumore della prostata è uno dei più diffusi tra gli uomini e la terza causa di morte per tumore. Quando le cellule tumorali della prostata si diffondono ad altre parti del corpo attraverso le metastasi, l’osso è la prima area normalmente colpita e circa il 90% dei decessi per questa neoplasia comporta metastasi ossee.

Nel nuovo studio, i ricercatori della Washington State University-Spokane hanno individuato un enzima chiamato MAOA che, attraverso una serie di segnali, aiuta il processo attraverso il quale le cellule tumorali della prostata si diffondono alle ossa. Stimola infatti tre proteine ad aumentare la funzione degli osteoclasti, ovvero cellule che svolgono un ruolo nella degradazione del tessuto osseo e particolarmente attive nel caso di metastasi.

Quando i ricercatori hanno ridotto l’espressione di MAOA nelle cellule tumorali della prostata, hanno notato, nei topi, una riduzione della capacità delle cellule di diffondersi alle ossa. Mentre laddove c’è una iper espressione di questo enzima è stato riscontrato un aumento delle metastasi ossee. Successivamente, i ricercatori hanno testato un farmaco, clorgyline, un tempo usato come antidepressivo e noto per bloccare l’attività di MAOA, su linee di cellule di cancro alla prostata.

Hanno scoperto che il farmaco ha impedito all’enzima di attivare le tre proteine che aumentano la funzione degli osteoclasti, riducendo in tal modo la capacità delle cellule tumorali di invadere le ossa. “I nostri risultati – chiarisce uno degli autori, Jason Wu – forniscono risultati promettenti nei topi, e meritano ulteriori indagini su formulazione, dosaggio e via di somministrazione per poter essere applicati clinicamente”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*