Home » Medicina » Tumore del seno: dall’agopressione un aiuto contro effetti collaterali

Tumore del seno: dall’agopressione un aiuto contro effetti collaterali

Dalla medicina tradizionale cinese arriva un aiuto per alleviare gli effetti collaterali derivanti dalle cure di un tumore del seno. Pare infatti che la tecnica dell’agopressione, consistente nell’applicazione di una pressione con le dita, i pollici o un dispositivo su punti specifici del corpo, possa alleviare oltre che l’affaticamento anche dolore, ansia e depressione e migliorerebbe il sonno.

La ricerca, pubblicata su Jnci Cancer Spectrum, è stata realizzata su 288 pazienti, alle quali è stato chiesto settimanalmente di quantificare il grado di affaticamento, la qualità del sonno, i sintomi depressivi, l’ansia e il dolore. I ricercatori hanno testato due tipi di agopressione o digitopressione: quella rilassante, che è tradizionalmente usata per curare l’insonnia, e quella stimolante, che viene utilizzata per aumentare l’energia. Le due tecniche differiscono per i punti del corpo che vengono stimolati.

Dalla ricerca è emerso che dopo sei settimane l’agopressione rilassante si è mostrata significativamente migliore di quella stimolante e delle cure standard nel migliorare i sintomi depressivi e il sonno. In generale, poi, entrambi le tipologie di questa tecnica risultavano più efficaci delle cure standard nel migliorare l’ansia e la gravità del dolore.

“Con una persona affaticata e depressa, sarebbe la conclusione ovvia usare una digitopressione rilassante: per l’ansia o il dolore, entrambi gli approcci potrebbero funzionare”, sintetizza Suzanna M. Zick, una delle autrici dello studio. L’agopressione secondo i ricercatori è  un’opzione interessante perché può essere eseguita a casa con effetti negativi minimi. Lo studio ha dimostrato che le donne possono imparare ad applicare una pressione corretta nei punti appropriati e alcune hanno riportato lividi di lieve entità nei siti in cui veniva praticata.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*