Home » Medicina » Troppo sale? Ritarda la pubertà e danneggia la fertilità

Troppo sale? Ritarda la pubertà e danneggia la fertilità

shutterstock_279358943Troppo sale nelle diete occidentali ritarda la pubertà dei ragazzi, con potenziali effetti negativi sulla fertilità nel corso della vita. Questo l’allarme lanciato dallo European Congress of Endocrinology in corso Dublino, dove una ricerca americana, della University of Wyoming, ha evidenziato come il consumo di tre o quattro volte la quantità di sale consigliata al giorno porta nei giovani un significativo ritardo nel raggiungimento della pubertà, con potenziali effetti negativi relativi alla riduzione della fertilità e a livelli di stress più elevati.

I ricercatori hanno studiato l’effetto che diverse quantità di sale assunte da alcune cavie avevano sulla pubertà. La ricerca ha evidenziato che i roditori a cui è stata somministrata una quantità di grassi importante e una quantità di sale equivalente a tre o quattro volte quella consigliata al giorno nell’uomo, risultavano avere un ritardo nella fertilità, ma i ricercatori hanno osservato che lo stesso effetto riguardava anche in quelli dalla cui dieta era stato escluso completamente il sale.

Dori Pitynski, autrice della ricerca, spiega che “il lavoro dimostra come gli alti livelli di grassi e sale abbiano effetti opposti sulla salute riproduttiva. Si è sempre pensato che una dieta ricca di grassi accelerasse l’inizio della pubertà, ma i risultati dimostrano che i topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di sale e ricca di grassi, mostravano un ritardo nell’esordio della pubertà. La nostra ricerca – prosegue – evidenzia per la prima volta che la quantità di sale di una dieta ha un effetto più significativo sulla salute riproduttiva rispetto al contenuto di grassi”. La raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) è di non consumare più di 5 grammi di sale al giorno.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*