Home » Medicina » Tra sopravvissuti 11 settembre, maggiore rischio di malattie cardiache e polmonari

Tra sopravvissuti 11 settembre, maggiore rischio di malattie cardiache e polmonari

(Reuters Health) –  Dopo 11 anni, le persone maggiormente esposte ai traumi dell’attentato di New York, tra cui i sopravvissuti e i soccorritori che per primi si sono recati sul luogo, avrebbero una maggiore probabilità di sviluppare patologie cardiache e polmonari. In particolare, chi aveva riportato una o più lesioni avrebbe il doppio del rischio di soffrire di malattie cardiache rispetto al resto della popolazione. Mentre chi è stato più esposto a polveri e detriti, compresi i primi soccorritori che si sono recati sul luogo dell’attentato, avrebbe il 30% in più di probabilità di sviluppare patologie polmonari. Lo suggerisce uno studio coordinato da Robert Brackbill, del Dipartimento di Salute e Igiene Mentale a New York City. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Injury Epidemiology.

Lo studio
Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di 8.701 persone che erano sul luogo dell’attacco e non soffrivano in precedenza di asma, diabete o malattie cardiache e polmonari. Tutte queste persone facevano parte dei 71.431 individui inclusi nel World Trade Center Health Regostry. Si tratta delle persone più esposte all’aria contaminata: 7.503 operai dell’area, 249 soccorritori, 131 residenti e 818 persone che si trovavano nelle strade circostanti. Complessivamente, il 41% sarebbe stata soggetta ad un’esposizione intensa alla nuvola di polveri, il 10% avrebbe avuto una singola lesione, il 2% due lesioni e l’1% tre o più. Dopo 11 anni di follow-up, 92 persone avrebbero sviluppato malattie cardiache, 327 sarebbero state diagnosticate con diabete, 308 avrebbero avuto una diagnosi di asma e 297 avrebbero sviluppato malattie polmonari, esclusi i tumori. Quando le persone avevano lesioni multiple, come fratture, danni cerebrali o distorsioni, il loro rischio di avere dolore toracico o un infarto era superiore rispetto a chi aveva subito una sola lesione. L’esposizione a polvere e detriti, invece, insieme a stress post-traumatico e all’essere un soccorritore, così come l’essere un fumatore, sarebbero associati a un rischio più elevato di malattie polmonari, esclusi tumori e asma. Mentre l’esposizione alle sole polveri non sarebbe associata a un aumento del rischio di asma. “L’attacco al World Trade Center è stato un disastro senza precedenti anche per le persone addestrate – ha dichiarato Iris Udasin, direttore dell’Environmental and Occupational Health Sciences Institute alla Rutgers University, in New Jersey -. Una cosa che abbiamo imparato è che le persone senza un adeguate formazione e attrezzature non dovrebbero accorrere sui luoghi dei disastri”.

Fonte: Injury Epidemiology

di Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*