Home » Medicina » Tbc: sviluppato primo farmaco non antibiotico

Tbc: sviluppato primo farmaco non antibiotico

Ha prodotto risultati promettenti su animali il primo farmaco non antibiotico contro la tubercolosi sviluppato dai ricercatori dell’università di Manchester, che ora sperano di testarlo sull’uomo entro i prossimi 3-4 anni, come riportato sul Journal of Medicinal Chemistry.

Il farmaco, che prende come bersaglio le difese del batterio della tbc (il Mycobacterium tuberculosis) anziché il batterio stesso, può anche eliminare il problema dei ceppi resistenti agli antibiotici. Attualmente chi si ammala di tubercolosi deve prendere un cocktail di antibiotici molto forti per 6-8 mesi, spesso con pesanti effetti collaterali e con il 20% di rischio che la malattia ritorni.

Il farmaco sviluppato a Manchester si è mostrato efficace sui porcellini d’India con l’infezione in forma acuta e cronica. “Questo composto non uccide il batterio direttamente, ma riduce in modo significativo la sua carica. Per oltre 60 anni l’unica arma contro la tubercolosi sono stati gli antibiotici, ma il problema della resistenza a questi farmaci sta diventando preoccupante”, commenta Lydia Tabernero, coordinatrice dello studio.

“Disattivando le difese del batterio – continua – abbiamo trovato il modo di aumentare le capacità del sistema immunitario e fargli eliminare questo patogeno”. Il Mycobacterium Tuberculosis produce infatti delle particolari molecole che bloccano la risposta del sistema immunitario all’infezione. I ricercatori hanno identificato una di queste molecole, MptpB, e usata come bersaglio.

Il composto da loro sperimentato l’ha bloccata, permettendo ai globuli bianchi di uccidere il batterio della tbc in modo più efficiente. “Non c’è niente di simile nell’uomo alla molecola MptpB – conclude Tabernero – Il nostro composto quindi la blocca, senza risultare tossico per le cellule umane. E poiché il batterio non viene trattato direttamente, è meno probabile che sviluppi resistenza al farmaco”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*