Home » Medicina » Tbc: batteri più aggressivi, anche i bimbi sono contagiosi

Tbc: batteri più aggressivi, anche i bimbi sono contagiosi

Micobatterio TBCLa tubercolosi (Tbc) sta diventando sempre ”più pericolosa, perché i batteri che ne sono la causa stanno mutando e sono diventati più aggressivi”. A puntare i riflettori su questo dato ”fortemente preoccupante” è Alberto Villani, responsabile Pediatria e malattie infettive dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che annuncia anche un fenomeno finora inedito: per la prima volta, ora anche i bambini sono divenuti in alcuni casi contagiosi. ”La causa per cui anche i bambini, in una certa percentuale, diventano contagiosi – spiega Villani, in occasione della Giornata mondiale della Tbc – è che sviluppano una particolare forma di tbc, quella cavitaria, che è appunto contagiosa ma che, fino a pochi anni fa, era tipica solo degli adulti. In questa forma, il polmone presenta appunto una cavità che rappresenta una sorta di ‘covo’ per i bacilli, che vengono poi messi in circolo ad esempio con la tosse determinando il contagio”.

Il punto, sottolinea Villani, ”è che fino a soli 15 anni fa nessun bambino risultava contagioso. Ora ciò invece si sta verificando, ed il dato è molto preoccupante”. Ma qual è la causa di questo nuovo fenomeno? ”Soprattutto – afferma Villani – la maggiore aggressività sviluppata dai microbatteri responsabili della malattia, ma anche il fatto che alcuni bambini risultano più ricettivi ai batteri stessi, anche se la ragione di ciò non è ancora chiara”. Quanto ai numeri, precisa, ”sono tra 4mila e 6mila i casi totali di Tbc in Italia ogni anno, di cui circa il 15% tra i bambini, pari a 500-1.000 casi l’anno. Tra i casi pediatrici, circa 15 sono quelli contagiosi annualmente. Non sono numeri enormi – chiarisce – ma è grave questa modifica inedita dei batteri e l’insorgere di una nuova forma di contagiosità”.

A ciò si aggiunge anche l’aggravarsi del fenomeno della resistenza ai farmaci. ”Finora disponevamo di 4 farmaci efficaci, ma ora registriamo dal 3% al 10% di casi di pazienti resistenti. La conseguenza è che, nei casi più gravi di farmacoresistenza, la sopravvivenza si è abbassata al 10%, contro l’oltre 90% degli anni passati”. Ma il paradosso, denuncia Villani, è che ”oggi abbiamo le tecnologie che, con un semplice esame del sangue o delle urine, ci consentirebbero di capire se un paziente svilupperà una farmacoresistenza e quali farmaci somministrargli in alternativa. Ma anche se tali test avrebbero un costo contenuto, non ci sono al momento i fondi e manca la volontà politica di investire in questa direzione. Un grave errore – avverte Villani – poiché vari segnali confermano che le malattie infettive, come appunto la Tbc, non sono assolutamente scomparse, neanche nel mondo occidentale come erroneamente si pensa. Abbassare la guardia – conclude – potrebbe avere delle conseguenze davvero pesanti”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*