Home » Medicina » Suicidio: creato algoritmo che lo prevede con il 90% di precisione

Suicidio: creato algoritmo che lo prevede con il 90% di precisione

Prevedere il rischio di suicidio con un’accuratezza del 90% sarà presto possibile grazie ad un algoritmo creato dai ricercatori della Vanderbilt University e che si basa sulla raccolta di dati prima di un ricovero in ospedale. I risultati dei test sono stati pubblicati su Clinical Psychological Science.

L’algoritmo
Per ‘insegnare’ all’algoritmo a riconoscere i possibili suicidi, distinguendoli tra le persone che invece avevano solo compiuto atti di autolesionismo, i ricercatori hanno analizzato i dati disponibili, dalle terapie seguite all’età alla zona di residenza, di oltre 5mila pazienti ricoverati per autolesionismo, di cui 3.250 hanno poi tentato di togliersi la vita.

L’algoritmo è stato poi testato su un gruppo di 13mila pazienti che non avevano storie documentate di tentato suicidio, e si è rivelato in grado di predire con un’accuratezza tra l’80 e il 90% il rischio nei due anni successivi, mentre quello a una settimana è stato predetto con una precisione ancora maggiore, del 92%.

“L’algoritmo è molto complesso, e non si basa su un singolo fattore di rischio ma sulla combinazione di più aspetti – spiega Colin Walsh, l’autore principale, alla rivista Quartz – Detto questo abbiamo notato che prendere la melatonina sembra essere un fattore significativo nella predizione. Non penso sia la melatonina a istigare i pensieri suicidi, non c’è nessun motivo fisiologico. Ma il rischio è fortemente legato ai disordini del sonno, ed è possibile che la prescrizione di melatonina ‘catturi’ il rischio di problemi nel sonno”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*