Home » Medicina » Staphylococcus aureus: aumenta la resistenza alla clindamicina

Staphylococcus aureus: aumenta la resistenza alla clindamicina

stafilocco(Reuters Health)- I tassi d’infezione da Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina (MRSA) sono in calo nelle popolazioni adulte negli Stati Uniti, ma i fattori clinici e demografici intercorsi tra adulti e bambini possono contribuire a diverse tendenze della suscettibilità agli antibiotici, come ha dichiarato Deena E. Sutter, del San Antonio Military Medical Center, Fort Sam Houston, Texas. I ricercatori hanno valutato le tendenze annuali della sensibilità agli antibiotici delle infezioni da S. aureus  in pazienti pediatrici trattati secondo i protocolli di trattamento MHS dal 2005 al 2014.

Il trend delle infezioni
Tra il 2008 e il 2014, il numero annuo di infezioni S. aureus isolate è diminuito di circa il 46%. Nel corso del periodo di studio, è aumentata la sensibilità a eritromicina, gentamicina, e oxacillina, mentre si è verificata  una significativa tendenza complessiva del calo della sensibilità a clindamicina, ciprofloxacina, e trimetoprim/sulfametossazolo (TMP/SMX). La suscettibilità dello S. aureus Meticillino-sensibile (MSSA) alla clindamicina è diminuita dal 90,7% al 83,8%, mentre la suscettibilità del MRSA alla clindamicina è rimasta stabile. Tuttavia, nonostante il calo statisticamente significativo della suscettibilità TMP/SMX, sia MSSA che MRSA sono rimasti molto sensibili a questa combinazione (circa il 98% sensibili). “I nostri dati dimostrano un costante declino nella suscettibilità alla clindamicina negli MSSA”, hanno concluso i ricercatori. “Questa tendenza può portare a una certa preoccupazione circa la continua dipendenza da clindamicina per il trattamento empirico di presunte infezioni da S. aureus, anche se è probabilmente prematuro abbandonare la scelta di questo efficace antibiotico “.

La sorveglianza e l’informazione
“E ‘fondamentale che i medici rimangono informato sui tassi di suscettibilità locali come sarebbe prudente considerare degli agenti antimicrobici alternativi per uso empirico, quando il tasso di suscettibilità locale alla clindamicina scende sotto l’85%”, hanno notato. “In tale situazione, i beta-lattamici, TMP/SMX, o le tetracicline possono essere utilizzati per le infezioni meno gravi e con la vancomicina per via endovenosa può essere impiegata nei casi più gravi. Se i tassi complessivi di MRSA continuano a diminuire e la resistenza alla clindamicina tra gli MSSA continua ad aumentare, possiamo vedere un ritorno agli agenti antimicrobici antistafilococco  beta-lattamici quali oxacillina o cefalosporine di prima generazione anche nella terapia empirica preferita per le infezioni presunte da S. aureus”. Sheldon L. Kaplan, del Baylor College of Medicine che ha scritto un editoriale in proposito ha detto: “Negli ultimi due decenni abbiamo visto la nascita e quindi il dominio di infezioni comunitarie associate (CA) -MRSA sia nelle infezioni dei tessuti della pelle e in infezioni invasive dei tessuti molli. Questo modello sembra aver raggiunto il picco intorno al 2007- 2008 con un costante declino da allora delle infezioni CA-MRSA. Io non credo che nessuno possa sapere con certezza perché questo sta accadendo. Naturalmente, questa tendenza potrebbe cambiare facilmente e ad un certo punto le infezioni da CA-MRSA potrebbero aumentare di nuovo “. “Le decisioni di trattamento empiriche non devono essere ancora modificate”, ha detto il dottor Kaplan. “La frequenza di infezioni comunitarie CA-MRSA è ancora abbastanza elevata e questi soggetti hanno bisogno di essere coperti dalle opzioni di trattamento empiriche”.

La scelta empirica
“L’epidemiologia delle infezioni da S. aureus nei bambini è in continuo mutamento e la sorveglianza continua delle infezioni da S. aureus è fondamentale così i medici al momento di una scelta empirica di trattamento avranno informazioni più aggiornate”, ha concluso. “L’aumento della resistenza alla clindamicina è ovviamente un buon esempio”. Stephanie A. Fritz, esperta di infezioni da S. aureus della Washington University School of Medicine, St. Louis, Missouri, ha aggiunto che per la comunità pediatrica in generale, è estremamente importante l’acquisizione della prevalenza di una crescente resistenza alla clindamicina, in particolare per i casi isolati di infezioni MSSA che negli ultimi anni hanno dominato i trattamenti empirici, sia per  infezioni della pelle, sia nei pazienti con infezione invasiva (data in passato la sua copertura per MRSA e MSSA e gruppo A Strep. Ha poi aggiunto: “La crescente resistenza alla ciprofloxacina è anche un fenomeno notevole, anche se questo farmaco è meno frequentemente utilizzato in pediatria”. “Penso che il messaggio più importante di questo studio, considerando  una copertura antibiotica empirica , sia l’importanza di avere familiarità con l’antibiogramma locale, come hanno rilevato anche gli autori e utilizzare questi dati per comunicare la scelta della terapia antibiotica empirica”, ha concluso Fritz. “Se la prevalenza di ceppi di S. aureus clindamicina resistenti è elavata nella regione, i medici dovrebbero prendere in considerazione l’uso di TMP/SMX nei pazienti per i quali questi antibiotici sono indicati”.

Fonte: Pediatrics 2016

 Will Boggs MD

 (Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*