Home » Biotecnologie » Sperimentazioni scientifiche: il 50% dei risultati non viene pubblicato

Sperimentazioni scientifiche: il 50% dei risultati non viene pubblicato

Nella metà dei casi, i risultati delle sperimentazioni scientifiche e di studi clinici non vengono pubblicati, il più delle volte perché i risultati sono negativi. Per correggere questo sistema, alcuni dei principali finanziatori della ricerca medica e organizzazioni non governative hanno siglato nuovi standard, che prevedono registrazione e pubblicazione dei risultati degli studi che finanziano. A rivelarlo è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sul proprio sito.

Il Consiglio indiano per la ricerca medica, quello norvegese e del Regno unito, Medici senza frontiere, Path, l’Istituto Pasteur, la Coalizione per l’innovazione e preparazione alle epidemie (CEPI), la Fondazione Bill & Melinda Gates e il Wellcome Trust hanno convenuto che tutti gli studi da loro finanziati, sponsorizzati o supportati devono essere messi in un registro disponibile pubblicamente. Tutti i risultati dovranno essere pubblicati entro 12 mesi dal loro termine sul registro e riviste scientifiche.

Attualmente, appunto, il 50% degli studi non viene riportato, portando così ad avere un quadro incompleto e potenzialmente fuorviante dei rischi e benefici di farmaci, vaccini e strumenti medici, oltre ad un loro uso non ottimale, o persino dannoso.

“I finanziatori della ricerca stanno prendendo un impegno importante, e non ci saranno più scuse sul perché alcune sperimentazioni non vengono riportate, anche dopo molto tempo la loro conclusione”, commenta Marie-Paule Kieny, assistente del direttore generale per l’innovazione all’Oms.

L’accordo prevede anche lo sviluppo di sistemi per monitorare la segnalazione dei risultati. Nel 2015 l’Oms aveva reso noto la sua posizione, stabilendo dei periodi di tempo ben preciso entro cui pubblicare i risultati di uno studio, e invitando a riportare i risultati delle sperimentazioni più vecchie non pubblicate. Molti di questi studi e i loro risultati saranno consultabili su una banca dati globale dell’Oms, che raccoglie i dati di 17 diversi registri nel mondo, tra cui quelli di Usa, Europa e Cina.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*