Home » Medicina » Social media: chi è depresso visita gli stessi siti 30 volte a settimana

Social media: chi è depresso visita gli stessi siti 30 volte a settimana

social media(Reuters Health) -Già diversi studi hanno collegato l’uso dei social media alla depressione, ma un nuovo lavoro, presentato al meeting  annuale della Society of Behavioral Medicine a Washington DC, suggerisce che si tratta di una vera e propria ‘dipendenza’. Le ripercussioni negative dell’uso dei social riguardano le modalità, piuttosto che la frequenza con cui vengono usati. “Crediamo che una consapevolezza di queste associazioni da parte dei medici possa essere preziosa per il trattamento di pazienti con disturbi depressivi. Ad esempio, i medici potrebbero informarsi sui modelli usati dai social e determinare se quei modelli sono in effetti disadattivi,” ha commentato Ariel Shensa della University of Pittsburgh School of Medicine.

Lo studio
Shensa e il suo team hanno selezionato random 1.763 soggetti dai  19 ai 32 anni, e li hanno interrogati sui loro sintomi depressivi, sull’uso dei social media e sui comportamenti da dipendenza. L’uso dei social è stato misurato con il numero di visite e la quantità di tempo speso su 11 siti di social media tra i più popolari: Facebook, Twitter, Google+, YouTube, LinkedIn, Instagram, Pinterest, Tumblr, Vine, Snapchat e Reddit. Per valutare la dipendenza da social media, i ricercatori hanno utilizzato i punteggi ottenuti con la Bergen Facebook Addiction Scale modificata, osservando i comportamenti da dipendenza,  le modificazioni dell’umore, l’abbandono dell’uso e le ricadute. E’ stato così dapprima evidenziato che la metà dei partecipanti aveva trascorso almeno un’ora al giorno, collegata ai siti dei social, non per scopi lavorativi, e aveva visitato gli stessi siti almeno 30 volte a settimana. Inoltre, con l’impiego di criteri di diversa misura, dai più ampi a più stretti, per indagare la dipendenza,  i ricercatori hanno evidenziato che una percentuale dal 14 al 44% dei partecipanti mostrava punteggi che indicavano un problema. Si è così, in sostanza, evidenziato, come previsto, che un maggior utilizzo dei social media era associato ai punteggi più elevati ottenuti nell’indagine sulla dipendenza. Ma dopo aver considerato anche i punteggi relativi alla dipendenza, l’utilizzo dei social e la depressione non erano significativamente correlati. Comunque sia, la dipendenza e la depressione sembravano essere, tuttavia, legate. In particolare, si è visto che la dipendenza sembrava spiegare circa tre quarti degli effetti dell’uso sociale dei media sulla depressione.

Fonte: Meeting Society of Behavioral Medicine 2016

Rob Goodier

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*