Home » Medicina » Sleep texting: la malattia del Millennials che non si ricorda

Sleep texting: la malattia del Millennials che non si ricorda

Messaggini inviati nel sonno che al mattino non si ricorda di aver mandato. E’ lo sleep texting, malattia che colpisce sempre più adolescenti e studenti universitari nativi digitali. I Millennials, insomma, sono sempre più preda dello sleep texting, cioè l’invio di messaggi mentre si sta per prendere sonno o si è ancora addormentati, senza poi ricordarsi di averlo fatto e le comunicazioni spedite sono spesso prive di senso e non danno risposte sensate a domande. A rivelarlo è una ricerca condotta su 372 ragazzi dalla Villanova University, pubblicata sul Journal of American College Health.

“La maggior parte non aveva memoria del fatto di aver inviato messaggi o del loro contenuto – evidenzia Elizabeth B. Dowdell, prima autrice dello studio – il fatto di non ricordare non è sorprendente, poiché la ricerca sul sonno ha scoperto che le persone che si svegliano dopo aver dormito per più di qualche minuto non sono in grado di ricordare gli ultimi minuti prima di addormentarsi”. Più di un quarto (25,6%) degli studenti nel sondaggio ha riferito di aver inviato messaggi nel sonno; la maggioranza (72%) ha riferito di non ricordare di averlo fatto.

Lo sleep texting secondo gli studiosi è collegato a un sonno interrotto e ha un’influenza sulla qualità del sonno stesso, che se insufficiente e irregolare oltre a minare il rendimento scolastico e universitario può portare a un significativo squilibrio emotivo, affaticamento e scarsa concentrazione. I cellulari non sono l’unico tipo di tecnologia utilizzata dagli studenti. Secondo gli studiosi andrebbero valutati con attenzione anche laptop, tablet e e-reader. Quando è stata misurata la quantità di sonno durante la settimana rispetto al week end, gli studenti con quattro o più dispositivi tecnologici in camera da letto risultavano dormire significativamente meno di quelli con tre o meno.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*