Home » Medicina » Sinusite: la causa può essere in bocca

Sinusite: la causa può essere in bocca

I denti potrebbero essere la causa di sinusite. Se il problema risiede nei problemi dentali, la chiave di volta è quindi nell’odontoiatra e non nelle classiche terapie antibiotiche previste per la sinusite. A rivelarlo è Cristiano Tomasi, Associato presso il dipartimento di Parodontologia all’Università di Göteborg (Svezia) e membro della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIDP).

La sinusite odontogena o secondaria
La sinusite è un processo infiammatorio che si manifesta con mal di testa specie al mattino, localizzato sulla radice del naso e sulle orbite, ma anche con secrezioni nasali. Spesso le radici di molari e premolari superiori, spiega Tomasi, finiscono proprio in prossimità con il seno mascellare – una cavità piena d’aria localizzata a livello degli zigomi. Se uno di questi denti si infetta, l’infezione può facilmente diffondersi fino al seno mascellare. A questo punto si può instaurare una sinusite cosiddetta ‘odontogena’ (secondaria), e non di rado il paziente non è consapevole della reale causa dei suoi sintomi che piuttosto riferisce a problemi delle vie respiratorie o a problemi allergici.

Il problema, spiega Tomasi, è che non è infrequente che l’infezione del dente sia asintomatica e questo rende più difficile la corretta diagnosi di sinusite secondaria di natura odontogena. In presenza di questa sinusite, ribadisce l’esperto, la cura con antibiotici non serve a niente se non si rimuove il problema dentale che l’ha causata. La soluzione, quindi, è intervenire sul dente che ha l’infezione anche con la devitalizzazione se necessario, cioè l’eliminazione del nervo nella radice del dente rimuovendone la polpa.

E non è tutto, la sinusite secondaria si può sviluppare anche per una parodontite molto grave, quando si crea una tasca gengivale talmente profonda che arriva fino al seno mascellare. E poi anche un impianto dentale installato in prossimità del seno e che sviluppa una peri-implantite può dare una infezione secondaria che può causare la sinusite, prosegue Tomasi; così come pure l’estrazione di uno dei denti superiori se, appunto, c’è una comunicazione tra cavità orale e seno mascellare (condizione di cui il dentista si può appurare con una manovra specifica al momento dell’estrazione).

“Di frequente – conclude Tomasi – noi dentisti veniamo chiamati a valutare pazienti con i sintomi della sinusite che non hanno trovato giovamento, se non temporaneo, dalle terapie antibiotiche, e a indicare, se il sospetto diagnostico lo suggerisce, una terapia odontoiatrica adeguata. E’ dunque importante un dialogo tra otorinolaringoiatra e odontoiatra in queste situazioni”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*