Home » Medicina » Sesso: ecco la top 10 dei benefici

Sesso: ecco la top 10 dei benefici

Basta indugi, fate l’amore e fatelo bene. Perché? Ma perché fa bene e non solo alla mente e allo spirito, ma anche al corpo. Dallo stress al mal di testa, alle calorie in eccesso, a stilare la classifica dei 10 benefici del sesso confermati dalla scienza è il Medical News Today. Vediamo punto per punto a cosa fa bene e perché.

Sistema immunitario: secondo uno studio pubblicato su Psychological Reports, fare sesso una volta a settimana aumenta del 30% gli anticorpi IgA.

Cuore: l’aumento della frequenza cardiaca regala agli uomini che hanno rapporti sessuali regolari il 45% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiache, parola di American Journal of Cardiology.

Pressione: una ricerca apparsa sul Journal of Health and Social Behavior mostra che donne tra 57 e 85 anni che hanno rapporti sessuali soddisfacenti hanno meno probabilità di soffrire di ipertensione.

Mal di testa: una ricerca pubblicata su Cephalalgia ha dimostrato che il 60% di individui con un attacco di emicrania segnala miglioramento del dolore dopo l’attività sessuale; la scusa più antica del mondo perde ogni fondamento.

Cancro prostata: gli uomini che eiaculano almeno 21 volte al mese hanno un terzo in meno di probabilità di sviluppare questa neoplasia rispetto a chi lo fa fino a 7 volte al mese, secondo uno studio pubblicato su JAMA.

Sonno: la zona del cervello associata all’attività mentale, si spegne dopo l’orgasmo e, secondo uno studio pubblicato su Neuroscience & Biobehavioral, è dovuto al rilascio di ossitocina e serotonina, che hanno effetti soporiferi. Cosa aspettate se volete dormire meglio?

Stress: uno studio su Psychosomatic Medicine mostra che l’intimità fisica nelle coppie è associata a livelli di stress ridotti, sempre per merito dell’ossitocina. Lasciatevi quindi andare e pensate positivo.

Cervello: una ricerca apparsa su Archives of Sexual Behavior suggerisce che il sesso frequente migliora la memoria delle donne, stimolando la creazione di nuovi neuroni nell’ippocampo; quale metodo migliore dunque per avvicinarsi alla famosa “memoria da elefante”?

Longevità: uno studio sul BMJ ha monitorato il tasso di mortalità di 1.000 uomini tra i 45 e i 59 anni, nel corso di 10 anni, e ha scoperto che il rischio di morte è stato del 50% più basso in quelli che avevano più spesso orgasmi.

Autostima: una ricerca pubblicata su Social Psychology and Personality Science ha scoperto che gli universitari che fanno sesso occasionale hanno maggiore autostima rispetto agli agli altri.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*