Home » Ambiente » Scoperto perché il cormorano delle Galapagos non può volare

Scoperto perché il cormorano delle Galapagos non può volare

Sui cormorani Charles Darwin aveva ragione: lo scienziato aveva intuito che le loro ali rachitiche erano sintomatiche della selezione naturale ed ora la genetica conferma la veridicità di questa affermazione. I cormorani delle Galapagos hanno perso la capacità di volare per colpa di un gruppo di geni molto simili a quelli che nell’uomo provocano malattie delle ossa. A rivelarlo su Science sono i ricercatori dell’università della California di Los Angeles, guidati da Leonid Kruglyak.

Quelli delle Galapagos sono gli unici, tra le 40 specie di cormorano, a non poter volare. Ma sono anche gli esemplari più grandi e dei potenti nuotatori, capaci di immergersi per procurarsi il cibo. Due le ipotesi fatte dai ricercatori, tra cui Darwin: una che il non poter volere li abbia aiutati a potenziare la loro capacità di nuotare, migliorandone la sopravvivenza, e l’altra che non avevano la necessità di migrare
o scappare dai predatori. “Due teorie che non si escludono”, secondo Kruglyak. L’analisi del Dna di questa e altre tre specie di cormorani ha mostrato i cambiamenti avvenuti in quelli delle Galapagos, nell’arco di 2 milioni di anni, contribuendo alla perdita della loro capacità di volare.

Sono arrivati a un gene, chiamato Cux1, già noto per essere collegato alle ali corte dei polli, che nei cormorani ha una versione ‘diversa’. “Una mutazione mai vista in altri animali, che ha modificato la funzione delle loro proteine, cambiando la dimensione delle ali”, spiegano i ricercatori. Nei cormorani è stato trovato un numero molto alto di mutazioni genetiche del ciglio, piccole strutture simili alle ciglia che fuoriescono dalle cellule, con un ruolo fondamentale nella crescita delle ossa. Questi stessi geni negli uomini, se hanno qualcosa non va, causano delle malattie nello sviluppo delle ossa, le ciliopatie appunto. Secondo i ricercatori il gene Cux1 controlla molti aspetti delle ciglia, e può aver influito in maniera positiva nella selezione naturale dei cormorani delle Galapagos, che con ali più corte riuscivano a immergersi meglio e quindi a mangiare di più.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*