Home » Medicina » Scoperto nuovo batterio resistente agli antibiotici

Scoperto nuovo batterio resistente agli antibiotici

EnterobatteriCresce l’allarme tra gli esperti per la scoperta di un nuovo ceppo batterico resistente alla colistina, antibiotico considerato ‘salvavita’ nel trattamento di particolari infezioni. Il nuovo meccanismo di resistenza, identificato presso il laboratorio di microbiologia clinica dell’ospedale fiorentino di Careggi, è mediato da una variante del gene mcr-1. Ceppi di Escherichia Coli portatori di questo determinante di resistenza, sia di origine clinica che animale, sono già stati trovati anche in Italia.

La colistina è un antibiotico che ha recentemente acquisito un ruolo fondamentale nella cura delle infezioni da batteri Gram-negativi ultraresistenti. “Presso il nostro laboratorio – spiega il direttore della struttura Gian Maria Rossolini – è stata recentemente identificata una nuova variante del gene mcr-1, denominata mcr-2, in un ceppo di Klebsiella pneumoniae resistente alla colistina, appartenente alla linea clonale ST512 e produttore della carbapenemasi KPC”.

Secondo quanto spiegato in un documento dall’Associazione microbiologi clinici italiani (Amcli), “il reperto è particolarmente allarmante perché il clone di K. pneumoniae ST512 produttore di carbapenemasi KPC è uno dei maggiori responsabili della diffusione epidemica di K. pneumoniae resistente ai carbapenemi (CRKp) in Italia, ma anche altrove”.

“I risultati cui sono pervenuti i colleghi del laboratorio di Firenze – afferma il presidente dell’Amcli Pierangelo Clerici – confermano che il fenomeno della farmaco resistenza batterica negli ospedali avanza inesorabilmente e che tutte la azioni devono essere messe in atto per cercare di contrastarlo”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*