Home » Astronomia » Scoperto materiale più forte di sempre: è nello Spazio

Scoperto materiale più forte di sempre: è nello Spazio

Si nasconde nel cuore delle stelle di neutroni, il materiale più forte mai scoperto fino ad ora ed ha una struttura alquanto bizzarra: somigli alla pasta. Nelle stelle di neutroni, la materia raggiunge densità incredibili al punto che un solo cucchiaino arriva a pesare come 170 milioni di elefanti. La scoperta si deve ad un gruppo di ricercatori guidati da Charles Horowitz dell’Università americana dell’Indiana a Bloomington. Lo studio, ripreso dal sito arXiv, fa parte di un gruppo di ricerche che non hanno ancora superato la revisione della comunità scientifica, e sono quindi in attesa di pubblicazione su Physical Review Letters.

Lo studio
Basata su simulazioni al computer, la ricerca indica che “la ‘pasta nucleare’ di queste stelle è 10 miliardi di volte più forte dell’acciaio”, ha detto Horowitz. Le stelle di neutroni sono lo stadio finale dell’evoluzione di alcune stelle massicce che, esaurito il carburante nucleare, collassano in un oggetto denso e compatto, di soli 10-20 chilometri di diametro.

Secondo gli autori della ricerca è proprio l’elevata densità di queste stelle che schiaccia i nuclei della materia fino a deformarla e farle assumere una struttura insolita, che ricorda quella dei più comuni formati di pasta: “la materia può assumere una struttura laminare come le lasagne, oppure globulare come quella degli gnocchi o ancora filamentosa, simile agli spaghetti”.

Una conferma della natura di queste strutture potrebbe arrivare dall’osservazione delle onde gravitazionali generate dalle stelle di neutroni, anche se i ricercatori ritengono che la loro intensità potrebbe essere più tenue rispetto a quella delle onde gravitazionali catturate nel 2017 dai rivelatori Ligo e Virgo. Occorreranno quindi strumenti di nuova generazione, come il telescopio Einstein, che l’Italia si candida a ospitare in una miniera in Sardegna.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*