Home » Medicina » Scoperto il gene che non fa riposare

Scoperto il gene che non fa riposare

Sempre svegli, vigili e attivi per colpa di un gene. La scoperta è stata fatta nei moscerini della frutta che grazie a questo gene possono rinunciare al riposo per dedicarsi alla ricerca del cibo. A rivelarlo è studio pubblicato su Current Biology del Centro per le Biotecnologie avanzate e la Medicina dell’Università americana Rutgers.

I dati sono il primo passo per individuare i geni che controllano meccanismi di regolazione importanti, sia nei moscerini della frutta (Drosophila melanogaster) che sono da sempre un modello per i genetisti, sia in altri organismi.

Meccanismi del genere entrano in gioco, per esempio, per bilanciare il tempo dedicato al riposo e quello dell’attività giornaliera. Negli esseri umani, per esempio, brevi sonnellini aiutano memoria e apprendimento, ma dormire a lungo durante il giorno è associato al rischio di malattie come il Parkinson e il diabete. Coordinati da Isaac Edery e Yong Yang, i ricercatori hanno individuato un gene che, in caso di temperature fredde, si attiva per sopprimere la tendenza dell’animale a concedersi un pisolino.

“Il gene – rileva Edery – permette al moscerino della frutta di avere un comportamento più flessibile, dedicandosi alle attività importanti per la sua sopravvivenza, come cercare cibo o accoppiarsi, in presenza di condizioni ambientali sfavorevoli. In questo modo – ha concluso – l’animale si è potuto diffondere oltre le zone equatoriali dell’Africa, colonizzando anche regioni più temperate”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*