Home » Medicina » Scoperti i geni della longevità nei mammiferi

Scoperti i geni della longevità nei mammiferi

L’elisi di lunga vita potrebbe essere nascosto nei geni dei mammiferi. A rivelarlo sono i ricercatori dell’Istituto Leibniz sull’invecchiamento. Il lavoro degli studiosi tedeschi è stato pubblicato su Plos Genetics.

La ricerca
Sono stati confrontati i dati genetici di 17 specie di roditori e sono 250 i geni che sono stati sotto-attivati nei roditori longevi ma allo stesso tempo sovra-attivati in tutte quelle specie che hanno una vita più breve. Al termine del lavoro i ricercatori hanno concluso che proprio questi geni potrebbero essere stati selezionati positivamente dall’evoluzione per avere una vita lunga e sana.

Tra loro, sono stati identificati Rhebl1, Amhr2, Psmg1 che non sono mai stati collegati ai processi di invecchiamento generale e alla durata della vita, ma che sono noti per contribuire direttamente allo sviluppo di malattie associate all’invecchiamento degli esseri umani, come il cancro o la malattia di Alzheimer.

Ecco perché gli studiosi ritengono come i risultati siano rilevanti anche per l’uomo. Infatti, l’85% dei geni dei roditori di lunga vita è identico al Dna umano. Però, a differenza degli esseri umani che sono piuttosto inclini alle malattie legate all’età, i roditori che hanno una vita più lunga hanno un rischio molto basso di manifestarle.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*