Home » Biotecnologie » Sclerosi multipla: realizzata la prima infusione con staminali neurali sull’uomo

Sclerosi multipla: realizzata la prima infusione con staminali neurali sull’uomo

La prima infusione al mondo di cellule staminali neurali – derivate dal tessuto nervoso di origine fetale – su un paziente con sclerosi multipla è stata realizzata presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano. L’uomo, su cui il trapianto è stato effettuato venerdì scorso, è il primo di 12 malati arruolati in un trial condotto presso la struttura.

Lo studio, illustrato al congresso dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (Aism) e della sua Fondazione (Fism), segna quindi un importante passo avanti verso terapie che potrebbero essere in grado di riparare i danni al sistema nervoso dovuti alla malattia. La sclerosi multipla colpisce nel nostro Paese 114mila persone e conta ogni anno 3400 nuove diagnosi. Mentre sono oltre 25mila gli italiani che attendono una cura, ovvero presentano una forma progressiva per la quale non ci sono farmaci efficaci. Già alcuni studi hanno testato infusioni di staminali del sangue e del midollo in persone con sclerosi multipla.

Quello condotto da Gianvito Martino, direttore Scientifico del San Raffaele e capo Unità di ricerca in neuroimmunologia, è però il primo trial a concentrarsi su quelle neurali, ovvero cellule che vanno ad agire sul sistema nervoso centrale e, per questo, potenzialmente più efficaci nel ridurre i danni. L’efficacia di questa terapia è stata già testata nei topi. Le staminali neurali infatti, da un lato secernono sostanze capaci di proteggere i tessuti danneggiati, e dall’altro sono in grado di differenziarsi in cellule che producono nuova mielina (il rivestimento intorno alle fibre nervose) che va a sostituirsi a quella danneggiata dalla malattia. Attraverso una puntura lombare, le cellule neurali di origine fetale sono state immesse nel liquido cerebrospinale del paziente, cosi’ da raggiungere cervello e midollo.

“L’obiettivo – precisa Martino – trattandosi del primo studio del genere, è testare la sicurezza della terapia. Per questo coinvolge pochi pazienti selezionati”, ovvero in stadio avanzato e forma progressiva di malattia. “Siamo stati pionieri nella ricerca di terapie basate sulle staminali”, dichiara Mario Alberto Battaglia, presidente Fism. “Nel 2000 ancora non si investiva nel campo. Noi ci abbiamo creduto finanziando questo percorso di ricerca. La scienza ci ha dato ragione”. Anche grazie sul 5 per mille, Fism e Aism, negli ultimi tre anni hanno investito ben 20 milioni di euro per finanziare studi scientifici.

Tra le altre strategie su cui si punta, anche la possibilità di invertire il processo di riduzione della mielina attraverso anticorpi monoclonali. “Nel cervello delle persone con sclerosi multipla – spiega Catherine Lubetzki, direttrice Dipartimento malattie del sistema nervoso dell’Hôpital Universitaire Pitié Salpêtrière, a Parigi – alcune lesioni vengono riparate spontaneamente, ma questa capacità diminuisce con il progredire della malattia. Un obiettivo è quindi quello di cercare farmaci per promuovere questa capacità endogena”.

Intanto, da Giovanni Leonardi, direttore Dipartimento Ricerca e Innovazione del Ministero della Salute, arriva l’impegno a una “collaborazione tra pubblico e privato, per promuovere ricerca e il suo impatto sull’assistenza dei malati”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*