Home » Medicina » Sclerosi Multipla: lo stress induce cambiamenti a livello cerebrale

Sclerosi Multipla: lo stress induce cambiamenti a livello cerebrale

sclerosi multipla(Reuters Health) – Lo stress psicologico potrebbe indurre cambiamenti cerebrali specifici nei pazienti con sclerosi multipla. A questa conclusione è giunto uno studio tedesco pubblicato su PNAS. “Che lo stress possa giocare un ruolo sulla SM è stato ipotizzato già dal francese Jean-Martin Charcot che per primo descrisse la malattia nel 19 ° secolo, come però questo agisca sui sintomi della malattia non è chiaro”, ha specificato Martin Weygandt di Charite, Università di Berlino, primo autore dello studio.

L’indagine
Weygandt e colleghi hanno misurato l’attività cerebrale di 36 pazienti affetti da SM e 21 controlli sani durante l’esposizione a un lieve stress psicologico (operazione aritmetica mentale con feedback della performance) utilizzando la risonanza magnetica funzionale. “Abbiamo poi cercato di correlare questa attività ai parametri di invalidità e al volume del cervello o al grado di atrofia”, spiega Weygandt. Come riportato su PNAS, lo stress indotto da aumentata attività cardiaca ha modificato l’attività neuronale cerebellare e della corteccia insulare di tutti i partecipanti, rispetto ai controlli. Per Weygandt “I risultati dimostrano che stress motori o cognitivi si riflettono sull’attività della corteccia insulare e che il grado di atrofia della materia grigia si riferisce all’attività nelle aree del cervello e del cervelletto dei pazienti.” Un collegamento simile è stato trovato tra l’attività cerebrale indotta da stress e il volume della materia grigia in sovrapposizione alle regioni cerebellari nei controlli sani, che “suggerisce che l’accoppiamento di attività indotta da stress e l’atrofia della materia grigia atrofia in pazienti con SM non deriva esclusivamente da un aumento della sensibilità allo sforzo indotto dalla patologia “, ha concluso Weygandt.

Fonte: PNAS 2016.

Marilynn Larkin

(Versione italiana di Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*